SHARE

Galvanizzata dalla folla oceanica al secondo comizio con Alessandro Di Battista e dalla telefonata di Beppe Grillo, la candidata del Movimento 5 stelle Ida Carmina è pronta per la chiusura della campagna elettorale per il ballottaggio del 19 giugno. L’appuntamento è stasera in piazza Kennedy dove, in un altro comizio, parlerà alla cittadinanza anche il candidato del Pd, Orazio Guarraci, sostenuto anche dal Pdr-Sicilia futura di Michele Cimino, dalla lista Vertenza Porto Empedocle e, dopo l’apparentamento, anche dalla lista Città Nuova che fa riferimento a Filippo Caci, di Forza Italia. Apparentamento che in questi giorni ha provocato non poche polemiche in casa dem, con il presidente dell’assemblea provinciale Pippo Sinesio che grida all’inciucio chiedendo invano l’intervento del vice segretario nazionale del Pd Lorenzo Guerini e del segretario regionale Fausto Raciti.

Sul palco con i candidati a sindaco anche gli assessori designati. Quelli indicati da Carmina sono: Salvatore Urso, Stefania La Porta, Maria Calabrese e Salvatore Baiamonte. Gli assessori designati sono: Andrea Sallì, Flavia Ferrara, Gianni Marianelli, Emilio Borsellino.

“Grazie Alessandro, grazie Porto Empedocle”, ha scritto su Facebook condividendo il video postato in diretta sul social da Di Battista. E torna a parlare delle telefonata di Beppe Grillo. “Un personaggio divertentissimo – ha dichiarato alla stampa Ida Carmina – che si è preoccupato di come stesse andando, ma soprattutto della situazione con le possibilità di sviluppo della città empedoclina. Per lui il modello da imitare – ha aggiunto – è la città tedesca di Duisburg, dove c’era un passato industriale forte con le strutture mantenute, ma riconvertite a scopo turistico”.

E sul turismo punta anche Orazio Guarraci. “Lo sviluppo turistico non si determina con gli slogan, non si incrementa con gli enunciati. Pertanto – ha scritto su Facebook – dobbiamo riprogrammare urbanisticamente il nostro territorio. La necessità di un piano particolareggiato che individui e delimiti un’area di intervento, sia del centro storico, sia della parte delle cannelle e della zona litoranea fino a Punta Piccola, con la passibilità di cambiare la destinazione d’uso degli attuali immobili, e consentire interventi manutentivi, finalizzati a realizzare strutture ricettive. Pertanto va curato l’aspetto estetico, la bellezza come elemento di attrazione, tutto ciò prevede la realizzazione di un Piano dei Colori nella zona Cannelle, creando un vero e proprio Borgo Marinaro. A ponente del porto – ha aggiunto – va favorito il rilancio dell’attività turistico alberghiera grazie alla meravigliosa costa che dalla via Crispi giunge fino a punta piccola per poi continuare fino alla Scala dei Turchi”.