SHARE

“La grande frontiera delle tecnologie rappresenta un’opportunità unica per delineare nuove strategie di sviluppo che puntino su innovazione, sostenibilità, tutela del patrimonio marino e valorizzazione dei territori costieri”. Lo ha affermato l’assessore all’Agricoltura e Pesca Antonello Cracolici, a Ustica per il VIX workshop annuale dell’Icar – Cnr (Istituto di calcolo e reti ad alte prestazioni del Consiglio nazionale di ricerca).
Una manifestazione dedicata alla ricerca e all’innovazione tecnologica, dove è stato presentato un progetto pilota per la tutela dell’area marina protetta di Ustica. “In Sicilia ci sono sei riserve marine – continua Cracolici – gli strumenti innovativi dell’Ict possono dare un contributo importantissimo non solo per la salvaguardia di questo grande patrimonio ambientale, ma anche per favorire la crescita economica. Mettere a sistema il mare vuol dire valorizzare anche il patrimonio a terra, le sue coste, i suoi approdi, le borgate marinare, le vocazioni specifiche di aree territoriali come l’isola di Ustica”.

SHARE