SHARE

“La firma del decreto che disciplina le modalità di compensazione dei crediti vantati dagli avvocati per l’attività svolta a seguito di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, è un aiuto concreto a chi svolge la professione forense”. Lo ha detto in una nota il deputato nazionale del Pd Antonino Moscatt, che ha aggiunto: “Da oggi chi vanta crediti per spese, diritti e onorari non ancora saldati, potrà esercitare il diritto di usare il credito in compensazione attraverso la piattaforma elettronica di certificazione predisposta da Ministero dell’Economia”.

Tale facoltà potrà essere esercitata dal 17 ottobre al 30 novembre, per l’anno 2016, e dal 1 marzo al 30 aprile per gli anni successivi. L’autorità preposta alla liquidazione dei crediti è quella giudiziaria e la spesa autorizzata per l’anno in corso è di 10 milioni di euro.
“Si tratta di un risultato non indifferente, frutto di ottimo lavoro, organizzato per obiettivi, a cui ormai Orlando ci ha – conclude Moscatt – abituati”.

SHARE