SHARE

Emergenza rifiuti, avviso del sindaco di Realmonte Lillo Zicari. Ecco il testo integrale dell’avviso pubblico del primo cittadino realmontino. “Carissimi concittadini, a causa di anni di ritardo strutturale e di una politica schizofrenica, ci troviamo a dover fronteggiare l’ennesima emergenza rifiuti (ma direi forse quella più problematica perché aggravata dalle alte temperature della stagione). Le città Siciliane, a partire dal capoluogo, sono invase dai rifiuti e di ogni genere. Il Governo regionale ha “chiuso” con la recente ordinanza del mese di giugno 2016 la discarica di C/da Matarana a Siculiana, e già da diverse settimane stiamo provando a scaricare, come la totalità dei Comuni della provincia di Agrigento, nella lontana Lentini in provincia di Siracusa.

Ciò ovviamente sta creando e quindi producendo disagi notevoli anche agli autotrasportatori che sono costretti a fare turni assurdi, e con un maggiore costo per il Servizio (danno e beffa) e nonostante tutto ciò siamo riusciti ugualmente a fare fronte, seppure con mille difficoltà, alla situazione.  Adesso, con successiva ordinanza presidenziale del mese corrente, sono stati imposti, per ciascun Comune,  limiti giornalieri al peso dei rifiuti da conferire in discarica. Ciò vuol dire che non possiamo portare oltre un certo numero di tonnellate di rifiuti al giorno in discarica. Cosicché molti autocarri dell’Agrigentino sono stati costretti a tornare indietro, ancora carichi, perché si era superato il limite di peso consentito.

Ciò ovviamente rischia di creare una ulteriore e più grave situazione nell’attività di smaltimento con inevitabile ricaduta sulla situazione sanitaria che, mi ripeto, vedo senza precedenti. I Sindaci di tutta la Sicilia ci stiamo adoperando e proponendo soluzioni alternative al blocco almeno per consentire il tempo di organizzare azioni adeguate di raccolta e smaltimento. L’Unione dei Comuni di Realmonte e Porto Empedocle ha già espletato la gara di appalto per la raccolta differenziata porta a porta ma il conferimento, in questi termini, per ragioni organizzative, che non dipendono solo da noi, potrà partire soltanto in autunno; nelle more stiamo cercando di organizzare una raccolta differenziata per le attività commerciali con lo scopo di ridurre al massimo il quantitativo di rifiuti indifferenziati.

L’appello che faccio oggi a tutti voi è quello di cercare di conferire i rifiuti nei cassonetti nelle ore consentite, di mantenere per quanto possibile la parte secca (carta, cartone, vetro, plastica, ecc.) a casa sino alla normalizzazione della raccolta che avverrà a breve. Di rinviare conferimenti straordinari, derivanti da pulizie straordinarie di fine stagione”.

 

SHARE