SHARE

Un filo rosso si dipana da un gomitolo accostato a un’opera esposta negli spazi allestiti all’NH Collection di Taormina: un filo che rappresenta idealmente l’andamento dell’economia mondiale. Attorno, quanto di bello il talentuoso genio italiano può creare attraverso il design e il fashion. C’è sempre un fil (rigorosamente) rouge che unisce tutto, come nell’ispirazione dell’arch. Alfio Cicala by 2CWorkshop che ha curato l’allestimento. Si sviluppa così, tra innovazione e reinterpretazione delle tradizioni del passato, la mostra “Contemporary Fashion & Design” – fruibili fino al 23 luglio – che ha aperto ufficialmente la terza edizione di Taomoda(organizzata in esclusiva dall’Associazione Talenti & Dintorni), rassegna principe degli appuntamenti estivi in programma nella Perla dello Jonio, per valenza culturale dell’evento e per coinvolgimento internazionale. Il taglio del nastro è stato affidato alla presidente di Russian Buyers Union Elena Bugranova, madrina dell’evento, a fianco del presidente e direttore artistico dell’intera kermesse Agata Patrizia Saccone: «Taomoda – afferma la Saccone – celebra non solo i grandi nomi del presente della moda italiana, ma anche coloro che sono destinati a scriverne il futuro». Le creazioni in esposizione sono state realizzate da La Cles, Filly Biz, Lellè By Lentini, Angela Piazza, Otto Punto, Essesteel Jewels, Ludema Bag, Luca Maci, Livia Chisari, Antonella Caponnetto, Musumeci Carlo, Andrea Branciforti, Mu’ Factory, Officina 77, Peppino Lopez, Luigi Pulvirenti, Alberto Caruso, Alessia Mistretta, Ivana Laura Sorge.

In questo scenario di commistione tra arte, moda e design – dove affiorano raffigurazioni scenografiche ispirate all’arancia Rossa di Sicilia – ha presentato il suo libro “Il gentiluomo senza cappello” (Edizioni Leima) il presidente della Camera Italiana Buyer Moda Mario Dell’Oglio attraverso un fitto dialogo tessuto dalla giornalista Rai Antonella Gurrieri. Un excursus sull’eleganza maschile, che attraverso simbolismi e guardaroba, tanto suggerisce sull’uomo contemporaneo e sul suo approccio con la società.

SHARE