SHARE

Perde il controllo dell’auto sulla provinciale Cattolica-Montallegro a causa delle condizioni della strada ricoperta di detriti e fanghiglia. Per una ventina di giorni è costretta a curare un “trauma distorsivo alla rachide cervicale”, conosciuto anche come “colpo di frusta”. Nel frattempo cita in giudizio la Provincia che non aveva svolto i lavori di manutenzione della strada determinando la causa dell’incidente, il giudice di pace le dà ragione e adesso per una giovane di Cattolica Eraclea arriva il risarcimento dei danni subiti. Il giudice di pace di Agrigento, Maria Chillura Martino, ha condannato infatti il Libero Consorzio Comunale di Agrigento (ex Provincia Regionale), a pagare nei confronti di una venticinquenne cattolicese, M. T. M., rappresentata dall’avvocato Pietro Piro, la somma complessiva di 4.240 euro così suddivise: 1.372 euro per le lesioni riportate a causa dell’incidente avvenuto il 22 gennaio del 2014 e la somma di 460 euro per le spese sostenute per i trattamenti medico-sanitari; 2.408 euro per i danni materiali riportati dall’auto (una Ford Focus). Inoltre, il Libero Consorzio Comunale è stato condannato a pagare le spese processuali.