SHARE
Bersani e Capodicasa

In un documento firmato da dieci parlamentari Pd, si argomenta il ‘No’ di merito al referendum costituzionale, “che non va inteso come un no al governo”. Le motivazioni sono raccolte in sei punti: circa il deficit di autorevolezza di questo Parlamento viziato dal Porcellum; in ragione del metodo, tutto in capo al governo, su materia genuinamente parlamentare, che ha concorso a un varo della riforma a stretta e ondivaga maggioranza; perche’ essa non persegue gli stessi obiettivi dichiarati di semplificazione e di efficienza del sistema istituzionale; perche’ disegna un bicameralismo confuso, un procedimento legislativo farraginoso, un Senato nel quale si da’ una contraddizione tra la sua composizione e le sue alte competenze (in materia costituzionale e internazionale); in quanto opera una esorbitante ricentralizzazione nel rapporto tra Stato e Regioni; perche’ permane irrisolto il nodo della elettivita’ dei senatori; per il sovraccarico politico di cui si e’ investito il referendum con le sue implicazioni sul profilo del Pd e sul complessivo assetto del sistema politico. I firmatari (Corsini, Dirindin, Manconi, Micheloni, Mucchetti, Ricchiuti, Tocci, al Senato; Bossa, Capodicasa, Monaco alla Camera) sostengono che la loro iniziativa possa essere due volte utile: a centrare il confronto referendario sul merito e non su pregiudiziali posizioni di partito o di schieramento, come finalmente un po’ tutti dichiarano di auspicare; a dare voce a elettori e quadri Pd che non condividono la revisione costituzionale. Ferma restando la consapevolezza, apertamente espressa dai firmatari nel documento, che la loro e’ posizione in dissenso da quella ufficiale del Pd, ma, insieme, nella convinzione che, a norma di statuto, su principi e impianto costituzionale, non si dia disciplina di partito.

SHARE