SHARE

Nessuna sorpresa sostanziale, tutto come previsto alla vigilia della competizione. Il trapanese Giuseppe Castiglione e la sua nera ‘feroce’ Radical Prosport Suzuki calano la ‘decima’ nel 3° Slalom Monti Sicani Città di Prizzi. Il ventisettenne “figlio d’arte” non ha fatto sconti a nessuno dei suoi avversari, principalmente al funambolico mazarese Girolamo Ingardia, l’unico a tenere in qualche maniera il passo del vincitore con la sua guida sempre di traverso, ma finito ugualmente alle spalle del vincitore al volante della sua Fiat Cinquecento a propulsore Suzuki, a 6”18 dalla vetta. A completare il podio un regolare e concreto Nicolò Incammisa, in netta rimonta dalla quarta posizione iniziale su Radical SR4 Suzuki, a 6”37 da Castiglione, ma ad appena 19 centesimi dalla piazza d’onore colta da Ingardia.
Tre motori Suzuki e tre piloti del Trapanese a monopolizzare i tre gradini del podio, dunque, a Prizzi; un risultato che la dice lunga sulla valenza della scuola slalomistica esistente nella provincia di Trapani. Giuseppe Castiglione e la sua Radical, entrambi portacolori della scuderia Armanno Corse Palermo, hanno portato a casa il successo complessivo numero 10 in questa stagione agonistica e centrato il tris consecutivo di vittorie nelle tre edizioni sin qui in archivio allo Slalom Monti Sicani Città di Prizzi. Il pilota di Buseto Palizzolo, campione siciliano Slalom in carica, si avvia pertanto a bissare l’alloro regionale Aci Sport di specialità colto nel 2015 ed a portare a casa il successo nello Challenge Palikè 2016, la serie regionale dedicata agli slalom promossa dal Team Palikè Palermo nella quale Castiglione è anche qua saldamente leader. La stagione agonistica attuale è comunque ancora lunga ma il trapanese ha già posto le basi per un doppio primato.

SHARE