SHARE
Ferragosto in via Atenea

Positivo bilancio del lungo week-end ferragostano dove, tra i lidi di san leone, la valle dei templi e l’antico centro di Girgenti, si sono riversati migliaia di turisti facendo registrare il tutto esaurito. La ricca offerta di eventi e manifestazioni estive ha richiamato un pubblico variegato che ha affollato i luoghi della movida sanleonina ma anche e soprattutto il centro storico riscoprendo le bellezze monumentali e artistiche grazie ai tanti volontari del Mudia, il Museo Diocesano che ha registrato un’affluenza record. A San Leone in piazzale Giglia si sono svolti diversi concerti tra cui quello della cantante Miele, reduce dal successo di Sanremo e di alcune band locali. Nel centro storico grande successo ha ottenuto Yab, il Ferragosto in via Atenea e nel centro storico che ha visto la collaborazione dell’Associazione dei commercianti. Piazza San francesco è stata animata da una serata di musica elettronica con proiezioni, arti visive ed un’estemporanea di pittura che ha coinvolto anche via Pirandello e la piazzetta antistante la chiesa di San Pietro.
Le iniziative patrocinate dal Comune proseguono nel centro storico con “Chimera” sottotitolo “Il racconto di un sogno come non l’avete mai visto”. Il prossimo 18 agosto, infatti, nella piazzetta antistante l’edificio del Circolo Empedocleo, a partire dalle 23, proiezioni per raccontare con immagini e musica, la visione di una Agrigento che si trasforma. Dai mostri mitologici del mondo ellenico a Pirandello per la rappresentazione virtuale della ricchezza di Agrigento fatta di Cultura e pregna di significati.
Da sabato 20 a domenica 28 agosto, al via anche la mini rassegna teatrale patrocinata dal Comune in programma in piazzale Giglia ad ingresso libero con la rappresentazione di tre commedie a cura di “Lanterna magica”, “Le Beatitudini” e “Gruppo Teatro Caos”.
“Si sono registrati flussi turistici importanti – ha commentato il sindaco Lillo Firetto. – Il Ferragosto è stato ordinato, con ampia offerta sia sul fronte mare che nel centro storico. E’ un segno inequivocabile di un trend che è fatto di buoni numeri e di un progressivo miglioramento della qualità e ampiezza della nostra offerta turistica. Lo snodo di un nuovo tempo!”.

SHARE