SHARE

Sarà il documentario “Letter from an imaginary man” di Matilde De Feo, martedì 23 agosto alle 18, ad aprire la competizione per la nona edizione dello Sciacca Film Fest. Mentre le pellicole “Pericle il Nero” di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio e “Black Comedy” di Luigi Pane apriranno le altre due sezioni in concorso: rispettivamente quella dei lungometraggi e dei corti. In totale, sono 35 le opere che partecipano quest’anno allo Sciacca Film Fest che prende il via ufficialmente oggi alle 17 con dei momenti riservati alla formazione con la Bill Summer School, una masterclass organizzata dall’Agenzia Tita di Milano di Giuseppe Mazza dedicata alla comunicazione e Sciacca Classic Fest, un’iniziativa culturale promossa da giovani musicisti siciliani in collaborazione con il Conservatorio di Trapani con lo scopo di avvicinare il grande pubblico alla musica classica proponendo dei concerti a ingresso gratuito tenuti da prestigiosi artisti del panorama musicale internazionale nella meravigliosa cornice del cortile della Badia Grande di Sciacca dal 21 al 24 agosto. Duranti i giorni del Festival gli stessi artisti svolgeranno Masterclass e Seminari rivolti a giovani musicisti che desiderano perfezionarsi dal punto di vista tecnico e interpretativo e che si esibiranno nei concerti pubblici di fine corso.
Si entrerà nel vivo della kermesse, da martedì 23 agosto, quando sarà il regista Mario Balsamo ad arrivare al complesso della Badia Grande, ormai consueta e consolidata location della manifestazione cinematografica, per presentare l’ironica e surreale pellicola “Mia madre fa l’attrice”. Poi sarà la volta mercoledì 24, di Roberto Andò. Nella stessa serata, spazio anche per il regista saccense Giuseppe Di Bernardo. Mentre giovedì arriverà Alessandro Piva, già vincitore di un David di Donatello e del premio per il pubblico al Torino Film Fest nel 2010. Venerdì, 26 agosto, ospite il regista teatrale Francesco Calogero e ospite d’eccezione Maria Sole Tognazzi, la regista figlia del grande Ugo , presenterà durante una retrospettiva a lei dedicata anche una delle sue ultime opere “Io e lei”, con Margherita Buy e Sabrina Ferrili, film che ha ottenuto un grande consenso di pubblico e critica nel 2015. Sabato sera invece, doppio appuntamento per il pubblico dello Sciacca Film Fest che per la nona edizione sperimenta la formula più lunga con un calendario di 12 giorni e l’introduzione di un piccolo ticket d’ingresso di sei euro, potrà incontrare i registi Gianfranco Pannone e Luca Guadagnino. Domenica 28, spazio riservato al regista saccense Vincent Navarra.
Edizione quella 2016 dello Sciacca Film Fest che si appresta il prossimo anno a festeggiare già il primo decennio, che sarà caratterizzata dall’omaggio- tributo al regista Ettore Scola. Per l’occasione, sarà presente anche il montatore della maggior parte delle pellicole più note del grande maestro del cinema italiano, Raimondo Crociani.

SHARE