SHARE

Un gruppo di docenti precari, accompagnati da familiari e amici, sta manifestando per chiedere l’annullamento della mobilità e la creazione di una graduatoria unica del trasferimento in ambito territoriale provinciale che tenga conto, fatte salve le priorita’ della legge 104, del punteggio degli anni di servizio pre-ruolo e dei titoli di studio e specializzazioni acquisiti. Sono 186 i docenti precari dell’Agrigentino, spiega l’Ansa, che verranno “deportati” – come loro stessi dicono – al Nord. Gli insegnanti sono al momento davanti alla questura. Il corteo contro la “Buona scuola” del Governo Renzi si concludera’ davanti all’ex provveditorato. “Vogliamo manifestare pacificamente per informare dell’ingiustizia perpetrata dalla legge 107 e dalla mobilita’ vigente e chiedere di ottenere cio’ che e’ nostro diritto: stesso trattamento per tutti gli immessi in ruolo e nuovi posti per evitare l’esodo”, spiegano i docenti precari.

SHARE