SHARE

“A te ti farò saltare la testa”. E’ la minaccia di morte che sarebbe arrivata a Gaetano Guarino, funzionario direttivo del corpo forestale negli uffici del comando in via Ugo La Malfa a Palermo. La frase ribadita una seconda volta, come si legge nella denuncia, sarebbe arrivata da un dirigente della forestale arrestato nell’ottobre del 2015 insieme ad un altro collega nel corso di un’inchiesta della procura di Palermo per un presunto giro di tangenti su alcuni appalti nella quale era coinvolto anche un imprenditore agrigentino. Anche se sospeso, il dirigente indagato si trovava negli uffici della forestale insieme ad un altro collega. Guarino – secondo quanto riporta l’Ansa – ha presentato denuncia alla sezione anticorruzione della squadra mobile della questura di Palermo. “Non ho nulla da dichiarare – dice Guarino – Ci sono indagini in corso molto delicate”. La minaccia sarebbe avvenuta lo scorso 23 agosto nei corridoi del comando. Tutta la vicenda ruoterebbe attorno all’appalto della dorsale radio digitale. “Esprimo la mia solidarietà per quanto avvenuto al funzionario Gaetano Guarino – dice l’assessore regionale al Territorio e Ambiente Maurizio Croce – Cercherò di capire come mai il dirigente sospeso si trovasse negli uffici del comando della forestale. Chiederò al dirigente Gaetano Gullo di dare la massima collaborazione alla squadra mobile e controllare gli ingressi negli uffici della forestale”.

SHARE