SHARE
Ruderi a Santa Margherita Belice

È stato approvato oggi alla Camera dei Deputati il Ddl che prevede un fondo per i comuni sotto i 5mila abitanti di 100 milioni di euro in cinque anni. Dal rinnovo dei centri storici all’albergo diffuso, dal contrasto al dissesto idrogeologico al recupero di strade e scuole, dall’efficientamento energetico alle piste ciclabili alla banda larga, il ddl pone al centro il “recupero” del territorio e delle piccole comunità integrando la storia con la tecnologia e l’innovazione.

Proprio nell’ottica di un recupero storico-sociale e culturale che, afferma in una nota il parlamentare del Pd Tonino Moscatt, “ho presentato un odg, poi approvato, con il quale ho impegnato il governo ad inserire nel Piano i centri diruti dei comuni colpiti dal terremoto. Un provvedimento di questo tipo permetterebbe alle piccole comunità, come quelle del Belìce, di ‘riprendere’ il filo conduttore – con le proprie origini – che il sisma ha tranciato, rendendo quei luoghi della memoria siti di interesse e patrimonio storico-culturale, non solo per il Belìce, ma per la Sicilia e l’intero Paese”.