SHARE

Nuovo caso di meningite nell’Agrigentino. Una donna cinquantenne abitante a Villaseta è stata trasportata ieri notte con un’ambulanza del 118 in stato soporoso al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento dove poi, a seguito di ulteriori controlli medici, si è concretizzato il sospetto della meningite batterica.

Così come previsto dal protocollo sanitario per la gestione di un caso sospetto o conclamato di meningite, i medici dell’ospedale agrigentino hanno disposto il trasferimento della donna in un’altra struttura sanitaria adeguata, cioè in uno dei reparti di malattie infettive degli ospedali di Caltanissetta, Palermo o Barcellona Pozzo di Gotto. Nelle prossime ore si attendono ulteriori riscontri sanitari per accertare le cause della meningite batterica, nel frattempo tutti gli operatori sanitari venuti a contatto con la donna agrigentina sono stati sottoposti ad adeguata profilassi preventiva.
Quello scoperto ieri sarebbe il quarto caso tra conclamati e sospetti scoperti quest’anno nell’Agrigentino, dove ad agosto è scoppiata una sorta di psicosi da meningite, con un boom di richieste di vaccinazioni nei centri dell’Asp di Agrigento, dopo il caso conclamato di una giovane empedoclina ricoverata all’ospedale Civico di Palermo dopo aver accusato febbre alta e una forte rigidità, soprattutto nella zona della nuca. Grazie alle cure dei medici, dopo il risveglio dal coma farmacologico, le condizioni della giovane empedoclina che lavorava in un pub di Palermo, sono poi migliorate con la terapia antibiotica.

SHARE