SHARE

Lo scorso sabato 1 ottobre l’assemblea del Gal Sicani ha approvato la “Strategia di Sviluppo Locale” e il “Piano di Azione Locale” per la programmazione 2014/2020. Nel corso dell’assemblea presieduta dal Presidente Salvatore Sanzeri, il Direttore Angelo Palamenghi e il responsabile dell’animazione socioeconomica Pippo Vetrano hanno esposto i contenuti del “Piano di Azione Locale”. Tra gli obiettivi previsti, il potenziamento del Distretto Rurale di Qualità Sicani, istituito nella programmazione 2007/2013 per valorizzarne risorse ambientali, culturali, agroalimentari, produzioni artigiane, strutture ricettive e servizi alle imprese, la promozione turistica, la valorizzazione del territorio e la tutela delle risorse umane e delle competenze locali. Per l’attuazione della strategia sono stati individuati due ambiti tematici: “Turismo Sostenibile” e “Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali”. Un ulteriore ambito riguarda poi l’“Inclusione sociale di specifici gruppi svantaggiati e/o marginali”, attivato per coinvolgere soggetti svantaggiati tramite le organizzazioni di solidarietà e volontariato presenti sul territorio e aderenti al partenariato.

L’assemblea dei soci, alla luce dei risultati raggiunti nel corso della scorsa programmazione, ha confermato all’unanimità la fiducia al Presidente Salvatore Sanzeri e a tutto lo staff. Un riconoscimento per il lavoro svolto, le buone pratiche messe in atto, che nel periodo 2007/2013 hanno consentito il finanzia­mento della totalità dei progetti ammissibili, con la conseguente creazione di opportunità di sviluppo in termini di investimenti economici e ricadute occupazionali, e per aver dimostrato che lo sviluppo di un terri­torio passa attraverso una forte azione di governance locale.

Un altro passaggio fondamentale è stato il confronto con il coordinamento delle Aree Interne Snai rappresentato dal deputato Giovanni Panepinto, al fine di armonizzare gli interventi attivati dai due programmi. Quello del Gal Sicani è un territorio vasto e variegato, che si estende dalla costa agrigentina ai monti Sicani passando per la Valle del Platani e quella del Sosio, un partenariato che coinvolge 138 partner di cui 101 privati e 37 pubblici: 29 comuni (Bisacquino, Castronovo di Sicilia, Chiusa Sclafani, Giuliana, Palazzo Adriano, Prizzi, Alessandria della Rocca, Aragona, Bivona, Burgio, Calamonaci, Cammarata, Casteltermini, Cattolica Eraclea, Cianciana, Joppolo Giancaxio, Lucca Sicula, Montallegro, Porto Empedocle, Raffadali, Realmonte, Ribera, San Biagio Platani, San Giovanni Gemini, Santa Elisabetta, Sant’Angelo Muxaro, Santo Stefano Quisquina, Siculiana, Villafranca Sicula), 10 associazioni di categoria professionali, 9 Università e Enti di Ricerca, 73 Associazioni culturali, ambientalistiche e dei consumatori, 9 Associazioni che operano nel sociale e/o servizi alla persona, 1 Banca, 4 agenzie di sviluppo locale e 3 enti di formazione.