SHARE

La Sezione giurisdizionale della Corte dei conti (sentenza 150/A/2016) conferma la responsabilità amministrativa di Giuseppe Reina, 72 anni, ex segretario dell’istituto professionale “Archimede” di Cammarata, accusato di aver falsificato per quattro anni decine di mandati di pagamento intascando grosse somme di denaro.
Ma tenendo conto dei risultati delle verifiche eseguite dai consulenti tecnici d’ ufficio diminuisce la condanna da 705.493 euro a 461.151 euro. Per la stessa vicenda, sul fronte penale, Reina – riporta oggi il Giornale di Sicilia – è stato condannato con rito abbreviato dal Gup di Agrigento a quattro anni di reclusione e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici.

SHARE