Cattolica Eraclea, esercitazione dei vigili del fuoco nella grotta Zubbia Camilleri

Si è svolta nella giornata di sabato 22 ottobre 2016 un’esercitazione tecnica nella grotta denominata “Zubbia Camilleri”, sita nell’agro di Cattolica Eraclea. L’iniziativa ha visto la collaborazione fra il Nucleo S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, preparato e seguito per l’occasione dal Coordinatore Tecnico CQE Antonino La Franca; il Gruppo Speleologico Kamicos rappresentato da Giovanni Buscaglia Istruttore Tecnico della Società Speleologia Italiana; la Riserva Naturale Grotta di Sant’Angelo Muxaro diretta da Marco Mariano Interlandi.
vigili-fuoco_3È stata un’occasione di crescita professionale e di scambio reciproco di esperienze e conoscenze per ciò che riguarda la speleologia, in particolare – viene spiegato in una nota – per le cavità che si aprono negli affioramenti gessosi copiosamente presenti nel territorio della ex provincia di Agrigento. Il Nucleo S.A.F. si è specializzato, per finalità di soccorso, ad operare in ambienti particolari, quali quelli ipogei, sia in contesti naturali che artificiali, utilizzando tecniche speleo-alpino-fluviale. Negli ultimi anni sono, infatti, notevolmente aumentate le persone che si dedicano ad attività sportive quali torrentismo, speleologia, arrampicate, ecc. frequentando siti naturali come grotte, forre falesie ecc. o artificiali (tralicci, grattacieli, viadotti ecc.).
vigili-fuocoL’attività si è svolta nella “Zubbia Camilleri”, una cavità avente una lunghezza complessiva circa un chilometro, caratterizzata da un ingresso angusto (inghitottitoio) ed una risorgenza attiva; la progressione in grotta, con elevate difficoltà tecniche, prevede il superamento di diversi dislivelli verticali (pozzi), angusti laminatoi e cunicoli spesso caratterizzati dalla presenza di acqua in scorrimento e da cospicui depositi fangosi che rendono difficile l’avanzamento.