VIDEO | Unesco: omaggio di Mattarella alla Palermo arabo-normanna

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella oggi a Palermo, a Palazzo Reale, per la cerimonia di scopertura della targa di iscrizione del sito “Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale”. Insieme al Capo dello Stato il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Giovanni Ardizzone, il ministro dell’Interno Angelino Alfano, il governatore Rosario Crocetta e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Ad accogliere Mattarella anche una piccola folla che lo ha applaudito. Poi Mattarella è entrato a Palazzo dei Normanni, sede dell’Ars, per la cerimonia che si è svolta nella sala intitolata al fratello Piersanti, l’ex presidente della Regione ucciso dalla mafia. I bambini del coro Arcobaleno del Teatro Massimo hanno eseguito l’Inno nazionale, poi il Capo dello Stato ha scoperto la prima targa del percorso posta accanto all’ingresso principale di Palazzo dei Normanni.

L’inserimento di Palazzo Reale nel circuito arabo-normanno e’ per il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, un “fatto unico” e un riconoscimento alla sua funzione storica. “Qui Oriente e Occidente davvero si sono incontrati. Ricordo a tutti l’evocazione di pace, di incontro di dialogo e scambio che Palermo si porta piantata nel cuore, ponte tra grandi culture araba, ebraica e cristiana in un momento difficile in cui si delineano inquietanti sconti di civilta’”. Cosi’ l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, parlando alla cerimonia per l’iscrizione nella lista Unesco del percorso arabo-normanno che comprende Palazzo dei Normanni e le cattedrali di Cefalu’ e Monreale, alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella.


“E’ il momento storico più propizio per riconoscere la dimensione mediterranea ed europea di Palermo e di tutta la Sicilia. Noi siamo il portato di questa storia. Ed è anche per questo che abbiamo avuto la forza e la capacità di gestire la vicenda migratoria in questo momento storico. Siamo stati un popolo di emigranti e un popolo che ha saputo accogliere dominatori divenuti poi siciliani. Il nostro è stato un grande continente di pace chiamato Sicilia. Una dimensione che non ha solo un grande passato ma anche un grandissimo futuro. E il riconoscimento Unesco è proprio il riconoscimento del presupposto di questo grande futuro”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, stamani a Palermo per partecipare alla cerimonia di intitolazione del percorso Arabo-Normano patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco.