Assenteismo: furbetti del cartellino nel Messinese, 65 indagati su 85 dipedenti nel Comune di Furci Siculo

Entravano e uscivano dal Comune di Furci Siculo senza rispettare gli orari, oppure facevano strisciare il proprio badge da altri. Sedici dipendenti del piccolo Comune del Messinese sono stati raggiunti dall’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per truffa e false attestazioni della presenza in ufficio mediante frode informatica. Complessivamente, su circa 85 dipendenti comunali gli indagati sono 65. Attraverso pedinamenti e accertamenti con riscontri dai registri interni del Comune, immagini video, gli agenti del Commissariato di Taormina hanno monitorato il comportamento dei dipendenti tra giugno e luglio 2015. Ne e’ emerso un malcostume consolidato- come hanno detto gli investigatori – c’era chi strisciava il badge certificando l’entrata in ufficio senza poi andare al lavoro, presentandosi piu’ tardi, o chi andava prima a fare la spesa, oppure chi ha accumulato fino a 20 ore di pause caffe’ non recuperate, o andava al lavoro indossando pantaloncini e maglietta. Infine c’era chi faceva strisciare il proprio badge ad altri. In un caso un dipendente, su 26 giorni lavorativi si sarebbe assentato per 25 giorni. I provvedimenti sono stati emessi dal Gip Monica Marino su richiesta del sostituto procuratore Roberto Conte. (AGI)