“La profondità della storia, la modernità dei gusti”, incontro promosso da Le Soste di Ulisse a Palermo

La scrittrice Simonetta Agnello Hornby, autrice di best seller tradotti in tutto il mondo, e il giornalista economico e scrittore Antonio Calabrò; l’esperto di biodiversità Paolo Inglese e il ricercatore di neuro marketing Vincenzo Russo, entrambi docenti universitari; il primo chef al mondo Massimo Bottura e il più noto tra i sommelier italiani Luca Gardini, campione del mondo di sommeleria nel 2010: sono alcuni dei nomi che daranno vita lunedì 21 novembre al convegno di chiusura dell’evento de Le Soste di Ulisse: Sicilia continente Gastronomico.

A confrontarsi con loro sul tema “La profondità della storia, la modernità dei gusti, l’innovazione dei servizi” saranno il presidente delle Soste di Ulisse Ciccio Sultano e, come moderatore, il giornalista e saggista Carlo Ottaviano. Il sottotitolo del convegno – “La profondità della storia, la modernità dei gusti, l’innovazione dei servizi” – sintetizza il significato dell’intero evento delle Soste di Ulisse che nei giorni 20 e 21 novembre porterà a Palermo nei saloni del Grand Hotel Villa Igea i direttori delle guide gastronomiche italiane, molti giornalisti della stampa estera, i rappresentanti delle più importanti aziende alimentari di eccellenze italiane. Gli chef de Le Soste di Ulisse saranno i protagonisti della manifestazione con le loro interpretazioni culinarie che proporranno durante la cena di gala di domenica 20 novembre e nella versione cibo di strada nel pranzo del 21 novembre.

Interverranno i più autorevoli giornalisti di settore e la maggior parte di addetti ai lavori del settore del turismo e dell’enogastronomia di qualità. A darne notizia il presidente dell’associazione: lo chef due stelle Michelin Ciccio Sultano. “La festa delle Soste di Ulisse sarà il luogo in cui potremo esprimere al meglio, coinvolgendo le più autorevoli testate giornalistiche e i migliori chef nazionali ed europei, le prospettive della cultura siciliana che nell’enogastronomia, nell’accoglienza e nell’ospitalità raggiunge livelli di eccellenza, per tradizione”.

“La ricerca della felicità – continua Sultano – che è l’essenza del nostro lavoro, è quasi una caratteristica antropologica dei siciliani, noi puntiamo a valorizzarla e a promuoverla ai quattro angoli del mondo”. Sono previsti decine e decine di ospiti e tanti chef a cominciare da Massimo Bottura, Davide Scabin, Heinz Beck e Gennaro Esposito che sono Ambasciatori del Gusto de Le Soste di Ulisse. 12 ottobre 2016

Le Soste di Ulisse è l’associazione presieduta dallo chef due stelle Michelin Ciccio Sultano che, nata nel 2002, riunisce fra i propri associati 35 ristoranti gourmet (tra cui i 13 chef stellati presenti in Sicilia), 22 charming hotel e 2 maestri pasticceri, oltre ad una ricca e rinnovata collezione di cantine che raccoglie le migliori espressioni enologiche siciliane. Le Soste di Ulisse si avvalgono, inoltre, di 7 chef ambasciatori del gusto che sostengono l’associazione in Italia ed all’estero: Massimiliano Alajmo, Heinz Beck, Massimo Bottura, Gennaro Esposito, Peppe Giacomazza, Nino Graziano e Davide Scabin, che da tempo ormai sono al fianco dell’associazione.