Maltempo e danni nell’Agrigentino, Iacono: Governo individui soluzioni per evitare isolamento e garantire sicurezza

All’indomani del violento nubifragio che si è abbattuto sul versante occidentale della provincia di Agrigento, la deputata Nazionale del Pd Maria Iacono si è rivolta, attraverso una lettera al Ministro dell’interno e per conoscenza a sua eccellenza il Prefetto di Agrigento.
In particolare, la deputata del Pd ha “chiesto al Ministro dell’Interno la tempestiva convocazione di un tavolo presieduto e coordinato da S.E. il Prefetto, alla presenza dei Sindaci dei Comuni colpiti nonché della protezione civile regionale e del Governo della Regione, che monitori ad horas l’effettiva gravità dei danni e che affronti l’emergenza con la massima determinazione e sollecitudine, individuando soluzioni e risorse”.
Inoltre, laIacono ha “chiesto di valutare l’opportunità di prevedere l’intervento del genio militare e dell’esercito affinché possa essere ripristinata la viabilità provinciale e regionale, assolvendo all’obiettivo di scongiurare il perseverare delle condizioni di isolamento dei comuni maggiormente colpiti dal maltempo”.
“Il nubifragio – ha aggiunto la deputata dem – che ha colpito gran parte della nostra provincia ha portato con sé danni di incalcolabile gravità. Innumerevoli sono le strade ed i ponti crollati o resi impraticabili. Catabellotta, Ribera, Sciacca e i comuni del Belice paiono essere le situazioni più gravi. Si può sostenere che la Provincia di Agrigento risulta essere allo stato spaccata in due. Tale situazione oltre che mettere in evidenza, ancora una volta la fragilità del nostro territorio evidenzia una situazione di palese emergenza che richiede interventi tempestivi ed adeguati”.