Legge di Bilancio 2017, ok definitivo al Senato: ecco le novità dal fisco alle pensioni

La manovra da oltre 27 miliardi è legge in tempi record. Il Senato ha dato, con il voto di fiducia, il via libera definitivo alla legge di bilancio (la prima dopo la riforma che ha unificato il ddl stabilita’ e il ddl bilancio) senza modifiche rispetto al testo licenziato dalla Camera. La crisi di governo che si e’ aperta a seguito della vittoria del no al referendum costituzionale ha escluso la possibilita’ di mettere mano al provvedimento in seconda lettura, rendendo necessaria un’approvazione lampo. Parte della manovra e’ finanziata con le misure contenute nel decreto fiscale collegato, come la cancellazione di Equitalia, la rottamazione delle cartelle, la voluntary disclosure bis, ovvero la seconda edizione della procedura di collaborazione volontaria di rientro dei capitali. Circa 12 miliardi sono finanziati a deficit. Il governo ha chiesto all’Europa di poter aumentare l’indebitamento netto fino a un massimo dello 0,4%, circa 7 miliardi, fuori dal Patto di stabilita’, per affrontare le spese per l’emergenza migranti e la ricostruzione degli eventi sismici. Molti i nodi che non sono stati affrontati e che probabilmente confluiranno in uno o piu’ decreti da varare da qui alla fine dell’anno: la possibilita’ per le banche di spalmare nei bilanci su piu’ anni i contributi addizionali al Fondo di risoluzione che ha salvato Banca Marche, Banca Etruria, Carichieti e CariFerrara, i soldi per l’emergenza sanitaria dell’Ilva a Taranto, la ripartizione dei fondi per 3 miliardi destinati agli enti locali e il potenziamento dell’eco e del sisma bonus concedendo agli incapienti la possibilita’ di cedere il credito d’imposta alle banche oltre che ai fornitori.

Ecco i principali interventi: – STOP AUMENTO IVA: sono sterilizzate le clausole di salvaguardia della legge di stabilita’ 2015 che prevedevano gli aumenti Iva dal 2017. L’operazione costa 15 miliardi ma gli incrementi slittano al 2018 (19,6 miliardi) e al 2019 (23,3 miliardi). – SISMA BONUS ED ECOBONUS: il sisma bonus viene confermato a partire dal 50% ma potra’ arrivare fino all’85%, viene stabilizzato per 5 anni fino al 2021, vale sia per i condomini sia per le abitazioni singole. Le percentuali di sconto aumentano al 70 e 80% per le case e al 75 e 85% dei condomini. L’ecobonus viene confermato al 65% e il bonus mobili al 50%. SGRAVI ASSUNZIONI E PREMI PRODUTTIVITA’: prevista la decontribuzione per le assunzioni stabili degli studenti che abbiano svolto stage (alternanza scuola-lavoro). Il tetto era di 3.250 euro l’anno per massimo 36 mesi ma con decreto ministeriale la soglia e’ stata alzata a 8.060 euro, ma solo per le assunzioni al Sud di giovani e disoccupati. Salgono invece i tetti per la detassazione al 10% dei premi di produttivita’ (fino a 4.000 euro su redditi di massimo 80.000 euro). – SUPERAMMORTAMENTO E IPERAMMORTAMENTO: confermato il superammortamento, al 140% per gli investimenti in macchinari, ma si affianca anche l’iperammortamento al 250% per gli investimenti in innovazione. Viene estesa fino al 31 dicembre 2020 la finestra per il credito d’imposta per attivita’ di ricerca e sviluppo. Si introduce il principio di cassa ai fini della tassazione dei redditi delle imprese a contabilita’ semplificata. – SCATTA TAGLIO IRES, ARRIVA L’IRI: scatta il taglio dell’Ires per le imprese dal 27,5 al 24% previsto dalla legge di stabilita’ 2016. E arriva l’Iri, la nuova tassa sul reddito dell’imprenditore, sempre al 24%, per le pmi. Nasce il gruppo Iva, nuovo soggetto giuridico che sterilizza gli effetti sull’imposta delle cessioni di beni e servizi fra i partecipanti al gruppo. – SANITA’: il finanziamento del Sistema sanitario nazionale viene portato a 113 miliardi di euro per il 2017 e a 114 miliardi di euro per il 2018. Un miliardo e’ vincolato all’acquisto di farmaci innovativi oncologici e vaccini. Prevista anche la stabilizzazione del personale medico. – CANONE RAI: il canone di abbonamento alla tv scendera’ nel 2017 da 100 a 90 euro. – SCUOLA: arriva un nuovo fondo al Miur da 140 milioni per il 2017 e 400 milioni per il 2018 destinato all’incremento dell’organico. Altri 128 milioni per il 2017 riguardano il piano straordinario per la ristrutturazione degli edifici scolastici. Aumenta da 25 a 50 milioni il contributo aggiuntivo dello Stato al funzionamento delle scuole materne paritarie. Parallelamente viene ridotta la spesa massima detraibile sostenuta per la frequenza delle scuole paritarie. – UNIVERSITA’: estesa la no-tax area per i corsi di laurea magistrali e agli studenti fino al primo anno fuori corso. Ampliata la platea di studenti che potra’ beneficiare di sconti sulle tasse: il contributo annuale massimo dovuto sara’ pari al 7% della quota di Isee eccedente 13.000 per glu studenti che appartengono a un nucleo familiare il cui Isee e’ compreso fra 13.001 e 30.000). Ampliata anche la platea di studenti per i quali il contributo onnicomprensivo annuale e’, aumentato del 50%.

BONUS NIDO: arriva il bonus nido da mille euro l’anno. Il buono sara’ esteso anche alle forme di supporto a casa per i bambini al di sotto di 3 anni malati cronici, e ne potranno usufruire i genitori che presentano la ricevuta della retta di frequenza. Il Fondo di sostegno alla natalita’ e’ in favore delle famiglie con figli nati o adottati dal 1 gennaio 2017. – BONUS MAMMA DOMANI: arriva il ‘premio alla nascita’, o all’adozione di minore pari ad 800 euro, corrisposto, in unica soluzione dall’Inps. – CONGEDO PAPA’: il congedo obbligatorio per i papa’, da fruire entro i cinque mesi dalla nascita del figlio sara’ di due giorni nel 2017 e di quattro giorni nel 2018. Si prevede inoltre che per il 2018 il padre lavoratore dipendente potra’ astenersi per un giorno in piu’ previo accordo tra genitori e a valere sui giorni spettanti alla madre. – APE: arriva l’Ape, l’anticipo finanziario a garanzia pensionistica, ovvero si incassa un prestito bancario, coperto da una polizza assicurativa obbligatoria contro il rischio. I requisiti sono eta’ anagrafica minima di 63 anni; maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi; anzianita’ contributiva di 20 anni; pensione pari almeno a 1,4 volte il trattamento minimo. Il diritto di recesso dal contratto e’ ridotto a 14 giorni rispetto ai 30 giorni previsti inizialmente e l’Ape costituisce sempre una forma di credito al consumo anche al di sopra del limite di importo di 75.000 euro. La versione dell’Ape sociale e’ dedicata ai soggetti ‘deboli’, con condizioni piu’ vantaggiose. Il tetto di reddito per beneficiare dell’indennita’, per i lavoratori autonomi, sara’ di 4.800 euro annui e non di 8.000 euro annui come previsto per i lavoratori dipendenti o parasubordinati. Sulla quattordicesima delle pensioni, si amplia la platea ai redditi fino al limite di 2 volte il trattamento minimo Inps (da 1,5 volte). – OPZIONE DONNA: l’opzione donna’, ossia la possibilita’ per le lavoratrici donne di accedere al trattamento pensionistico anticipato in presenza di determinati requisiti, e’ estesa anche a chi, avendo 57 anni di eta’, ha maturato i 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2015. Sono oltre quattromila le lavoratrici che potranno usufruire dell’estensione. – ESODATI: si estende la platea dell’ottava salvaguardia spostando dal 31 dicembre 2012 al 31 dicembre 2014 la data utile per l’ingresso nella mobilita’, com’era stabilito gia’ lo scorso anno. La platea passa da 27.700 a 30.700 salvaguardati. – SPERIMENTAZIONE APE E RITA OLTRE 2018: la sperimentazione dell’Ape, l’anticipo pensionistico, anche social, e di Rita, la rendita integrativa temporanea anticipata, potrebbe proseguire dopo il 2018. Entro il 10 settembre 2018 il governo deve trasmettere alle Camere una relazione sui risultati e formulare proposte per un’eventuale prosecuzione.

PUBBLICO IMPIEGO: creato un Fondo per il pubblico impiego, con una dotazione di 1,48 miliardi di euro per il 2017 e 1,39 miliardi di euro a decorrere dal 2018, per finanziare il rinnovo dei contratti sul triennio 2016-2018, in aggiunta ai 300 milioni di euro gia’ stanziati dall’ultima legge di stabilita’. Arrivano in piu’ 800mila euro nel 2017 e 3 milioni nel 2018 da destinare alle assunzioni di personale a tempo indeterminato dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo. Risorse anche per i corpi di polizia e i vigili del fuoco. Assunti con contratto a tempo indeterminato anche 1.000 cancellieri nei Tribunali. – CONTRATTI SOLIDARIETA’: aumenta di 15 milioni l’anno il finanziamento della riduzione contributiva per i datori di lavoro che stipulano contratti di solidarieta’. – APPRENDISTATO: proroga dei benefici contributivi per incentivare le assunzioni con contratto di apprendistato per la qualifica, il diploma e il certificato di specializzazione tecnica superiore fino al 31 dicembre 2017 per 2,6 milioni di euro per il 2017, 5,6 milioni di euro per il 2018 e 3 milioni di euro per il 2019. Contestualmente, vengono destinati 27 milioni di euro per il 2017 per finanziare le risorse per i percorsi formativi rivolti al contratto di apprendistato richiamato e per i percorsi formativi rivolti all’alternanza scuola lavoro. – ESUBERI BANCHE: arriva il sostegno di quasi 650 milioni fino al 2021 al fondo esuberi delle banche e di tutti i settori per i quali sono previsti fondi di solidarieta’ bilaterali. La misura si applica a un limite massimo di 25mila dipendenti nel triennio 2017-2019. – MIGRANTI: per far fronte all’emergenza vengono destinate le risorse relative ai programmi operativi cofinanziati dai fondi strutturali Ue per il 2014-2020 nel limite di 280 milioni per le attivita’ di intrattenimento, accoglienza, inclusione e integrazione. – TERREMOTO: stanziati 100 milioni per il 2017 e 200 milioni annui dal 2018 al 2047 per la concessione del credito d’imposta maturato in relazione all’accesso ai finanziamenti agevolati previsti per la ricostruzione privata. Per la ricostruzione pubblica sono previsti 200 milioni per il 2017, 300 milioni per il 2018, 350 milioni per il 2019 e 150 milioni per il 2020. – COMMISSARI SANITA’: i presidenti di regione potranno essere nominati anche commissari per la sanita’. Salta quindi l’incompatibilita’ del doppio ruolo introdotta con la legge di stabilita’ 2015. Viene prevista una verifica semestrale sull’operato del commissario da parte di ‘tavoli tecnici’ che produrranno una relazione ai ministri della Salute e dell’Economia, da trasmettere al Consiglio dei Ministri, con particolare riferimento al monitoraggio dell’equilibrio di bilancio e dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza. La norma e’ stata fortemente contestata dalle opposizioni, che fin dall’inizio lo hanno ritenuto ‘tagliato’ sulla figura del governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

COMMISSARIO PER LIQUIDARE EXPO: sara’ nominato, con un Dpcm, un commissario straordinario per la liquidazione della societa’ Expo 2015. Stanziati 8 milioni per il 2017 per l’avvio delle attivita’ di progettazione per il trasferimento dei dipartimenti scientifici dell’Universita’ di Milano. – MULTE FINO A 180MILA EURO CONTRO BAGARINI: multe da 5mila a 180mila euro per contrastare il bagarinaggio. In caso di utilizzo delle reti di comunicazione elettronica, prevista la rimozione dei contenuti o l’oscuramento del sito web, e si chiarisce che non e’ sanzionata la vendita effettuata da persona fisica in modo occasionale, purche’ senza finalita’ commerciali. – VISTO INVESTITORI: introdotto un ‘visto’ ad hoc per gli investitori al di fuori delle quote. Sara’ revocato se si dismette l’investimento in titoli di Stati o in strumenti rappresentativi del capitale di una societa’ costituita e operante in Italia prima della scadenza di due anni. Viene inoltre introdotta una nuova ipotesi di reato per chiunque, nell’ambito della procedura di richiesta del ‘visto’, esibisce o trasmette atti o documenti falsi ovvero fornisce dati e notizie non rispondenti al vero, per la quale si prevede la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni. – CAMBI D’APPALTO: cancellato il contributo di licenziamento imposto al datore di lavoro (pari al 41% del massimale mensile di ASpI per ogni dodici mesi di anzianita’ aziendale negli ultimi tre anni) in caso di licenziamenti effettuati in conseguenza di cambi di appalto ai quali siano succedute assunzioni presso altri datori di lavoro, in attuazione di clausole sociali (dopo un periodo di tre anni che sarebbe scaduto a dicembre). – ACCORDI CON IL FISCO SU FALLIMENTI: le societa’ che rischiano il fallimento potranno concordare un piano dilazionato o parziale di pagamento, che potra’ riguardare anche l’Iva, che permettera’ di recuperare risorse che di fatto andrebbero perse. Sara’ possibile proporre, in sede di concordato preventivo o di accordo di ristrutturazione dei debiti, il pagamento parziale o rateale dei crediti tributari e contributivi. – ILVA: le somme confiscate al Gruppo Ilva dovranno essere destinate alle bonifiche ambientali. Viene inoltre aumentato dal 3 al 4,1% lo spread sul tasso di interesse per i finanziamenti statali richiesti dalla struttura commissariale e si prevede un meccanismo di garanzia collaterale a tutela dei crediti dello Stato. L’obiettivo e’ di evitare la procedura di infrazione Ue riportando ai valori di mercato il costo del prestito ponte da 300 milioni. – TRACCIATI PAGAMENTI LAVORI CONDOMINIO: i pagamenti per le prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi resi ai condomini dovranno essere tracciati.

LOTTERIA SCONTRINI: chi acquista con bancomat o carte di credito avra’ il 20% in piu’ di possibilita’ di vincere i premi messi in palio nella lotteria nazionale degli scontrini. Per chi non usa i contanti la lotteria partira’ dal 1 marzo del 2017 anziche’ dal 2018. – BONUS 18 ENNI ANCHE PER MUSICA: i 18enni potranno utilizzare il bonus cultura da 500 euro anche per acquistare musica su Internet, per corsi di lingue, di musica e di teatro. – NO IMPOSTA BOLLO START UP INNOVATIVE: niente piu’ imposta di bollo e diritti di segreteria per la costituzione di start up innovative. – CASSE PRIVATE: il cumulo dei contributi previdenziali sara’ gratuito anche per quelli versati alle Casse private. – MADE IN ITALY: arriva 1 milione di euro per il 2017 per il potenziamento delle azioni di promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane gestite dal Ministero per lo sviluppo economico nell’ambito del Piano straordinario per la promozione del Made in Italy. – DEROGA CONTRATTI FLESSIBILI IRCCS: in deroga al Jobs Act gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) e gli istituti zooprofilattici sperimentali potranno continuare ad avvalersi dei ricercatori, assunti con contratti flessibili, in servizio al 31 dicembre 2016. – FARMACI: la determinazione del direttore generale dell’Aifa sui criteri per la classificazione dei farmaci innovativi, di quelli a innovativita’ condizionata e dei farmaci oncologici innovativi, deve essere adottata previo parere della Commissione consultiva tecnico-scientifica dell’Aifa. Salta la base d’asta per le procedure pubbliche di acquisto dei farmaci biologici non sara’ piu’ parametrata sul prezzo piu’ elevato. Non e’ consentita la sostituibilita’ automatica tra farmaco biologico di riferimento e un suo biosimilare. – SOCIETA’ SPORTIVE DILETTANTISTICHE: sale da 250.000 a 400.000 euro la soglia massima degli utili conseguiti annualmente dalle associazioni e dalle societa’ sportive dilettantistiche necessaria ad accedere alle agevolazioni fiscali previste dalla legge per tali enti. – BANCHE ETICHE: arriva il regime fiscale agevolato per gli operatori di finanza etica e sostenibile: il 75% delle somme destinate all’aumento del capitale proprio non concorrera’ a formare il reddito imponibile. Il tetto e’ fissato a 1 milione di euro l’anno dal 2017. – FONDO LOTTA POVERTA’: sara’ incrementato di 150 milioni di euro. Conseguentemente, dal 2017, viene ridotta di 150 milioni annui l’autorizzazione di spesa per il finanziamento dell’Assegno di disoccupazione – Asdi. – PIANO DONNE-PACE: arrivano 2 milioni di euro per la predisposizione e l’attuazione del terzo Piano di azione Onu sulle donne, la pace e la sicurezza. Stanziati 1 milione di euro per il 2017 e 500mila per ciascuno degli anni 2018 e 2019.

IVA AL 5% PER NAVI E TRAGHETTI: per navi e traghetti che trasportano persone spunta l’Iva al 5%, che permette all’Italia di chiudere un contenzioso con la Ue ma non si traduce in nuovi costi a carico degli utenti o delle imprese:l’imposta viene infatti incorporata nella tariffa amministrativa, e anzi per le imprese si traduce in un piccolo vantaggio perche’ la quota entra nel consueto dare-avere dell’Iva. – ENTI LOCALI: confermato per il 2017 lo stop all’aumento delle aliquote delle tasse locali. Prorogato al 2017 l’innalzamento da tre a cinque dodicesimi del limite massimo di ricorso alle anticipazioni di tesoreria per assicurare i tempi di pagamento nelle transazioni commerciali. Gli enti locali potranno rinegoziare i mutui anche in corso di esercizio provvisorio e potranno continuare ad usare anche nel 2017 le risorse derivanti dalla rinegoziazione, o dal riacquisto dei titoli obbligazionari emessi, senza vincoli di destinazione. – CALL CENTER: finanziamento di 30 milioni, a carico del Fondo sociale occupazione e formazione, per le misure di sostegno al reddito per i lavoratori dei call center. Estese a tutti i call center le norme in materia di delocalizzazione indipendentemente dagli occupati. – GIU’ ACCISA BIRRA:dal 1 gennaio 2017 scendera’ l’accisa sulla birra. L’accisa e’ rideterminata in 3,02 euro per ettolitro e per grado plato. – CITTADINANZA: il 30% dei versamenti, effettuati per le domande di riconoscimento della cittadinanza italiana sara’ destinato al ministero degli Esteri, che trasferira’ le risorse agli uffici dei consolati di ogni circoscrizione, in percentuale alle somme realizzate. – PREPENSIONAMENTO GIORNALISTI: ok al rifinanziamento del fondo per il prepensionamento dei giornalisti delle aziende ristrutturate o in crisi: stanziati 5,5 milioni per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019, 5 milioni per il 2020 e 1,5 per il 2021. L’Inpgi prende in considerazione le domande di pensionamento secondo l’ordine cronologico di presentazione dei piani. – ADOZIONI INTERNAZIONALI: il fondo per le adozioni internazionali e’ incrementato di 5 milioni di euro per il 2017. – AGEVOLAZIONI PER LAVORATORI STRANIERI: aumentano gli assegni familiari ai cittadini con 4 o piu figli che lavorano in un Paese membro dell’Unione europea. – VITTIME VIOLENZA: le risorse per il sostegno delle donne vittime di violenza e dei loro figli aumenta di 5 milioni di euro l’anno nel triennio 2017-2019. Alle lavoratrici autonome vittime di violenza di genere e’ riconosciuto il diritto all’astensione dal lavoro fino a tre mesi con un’indennita’ giornaliera dell’80 per cento del salario minimo. – REVERSIBILITA’ ORFANI: viene in sostanza elevata di mille euro, da 2.840 a 3.840 lordi annui, la soglia del reddito, derivante da una quota della reversibilita’, sopra la quale un figlio beneficiario non risulta piu’ a carico del genitore superstite. (AGI)