Agrigento, presentata alla stampa la IX edizione del Presepe di Montaperto

Presentata alla stampa la IX edizione del “Presepe di Montaperto” alla presenzadel sindaco Lillo Firetto, dell’ideatore del presepe Nino Amato e del coordinatore organizzativo Giulia Amico. Una formula già collaudata quella del “Presepe Vivente di Montaperto” che aprirà i battenti lunedì 26 dicembre 2016 alle ore 17.30. Un’inaugurazione molto “dolce” quella di quest’anno, visto che, anziché il classico taglio del nastro, ne verrà tagliato uno molto goloso. Il pasticcere Giovanni Mangione, infatti, si adopererà, insieme ad altri “colleghi” a preparare una torta alla ricotta di 2,50 mt di diametro, che durante l’apertura verrà offerta agli intervenuti. Ma le novità del Presepe di Montaperto non finiscono qui, perfettamente incastonati tra gli antichi sapori e mestieri del suggestivo presepe di Montaperto, anche quest’anno non mancheranno gli interventi artistici. In particolare un cortile ospiterà il duo composto da Valeria Micciché e dal maestro Peppe Cammarata. Il loro quadro artistico dal titolo “Suoni di un antico natale” prevederà le esibizioni alla chitarra del maestro Cammarata e la voce di Valeria Micciché che tra canti e poesie sul profondo tema del Natale, doneranno se è possibile quel quid artistico che ogni anno il Presepe di Montaperto garantisce.

Altro cortile artistico quello che vedrà protagonisti gli attori Graziana Lo Brutto e Luigi Corbino. Il loro intervento “È natale non soffrigger più” scritto dalla stessa giovane e talentuosa attrice Agrigentina Graziana Lo Brutto, offrirà senza alcun dubbio un momento divertente, leggero agli intervenuti che saranno direttamente coinvolti, visto che il quadro artistico proposto dai due attori sarà soprattutto interattivo. A questo si aggiungerà l’intervento dei cori polifonici “Pentagramma a colori” di Agrigento Diretto da Andrea Montana e il “Santa Chiara” di Raffadali una novità assoluta all’interno del Presepe. Ad intervenire saranno anche gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Agrigento, che mostreranno ai visitatori, la tecnica “Raki” un’antica modalità di lavorazione della creta.
“Il presepe vivente di Montaperto rappresenta la punta di diamante delle festività natalizie” afferma durante la conferenza il sindaco Lillo Firetto “Una manifestazione che ha resistito negli anni, rinnovandosi e divenendo un appuntamento fisso del Natale agrigentino che quest’anno sta offrendo tante attrazioni diverse”. Sarà possibile visitare il “Presepe vivente di Montaperto” il 26-30 dicembre 2016 e l’1,5,6,8 gennaio 2017 a partire dalle 17.30.