Guida ai Vini del Giornale di Sicilia: 42 etichette a 5 stelle tutte da gustare

Centoventi le aziende coinvolte e oltre 600 i vini degustati. Risultati: 42 i vini a cinque stelle selezionati e nove quelli, tra bianchi e rossi, del Decennale, cioè quelli che nel corso di questi anni sono stati premiati almeno cinque volte con le cinque stelle. La Guida ai Vini 2017 del Giornale di Sicilia è più piccola e parla italiano e inglese: la Sicilia da bere piace anche oltre i confini e sull’export si punta molto.
Sfogliare la Guida ai Vini 2017 del Giornale di Sicilia in vendita in edicola a cinque euro (più il prezzo del quotidiano) è come intraprendere una “gita” per scoprire nuovi modi di concepire e vivere il vino, a partire da dove tutto comincia, la vigna, fino a dove il mosto sboccia, ovvero la cantina: merito di vignaioli illuminati che hanno ripensato sguardo e sostanza del vino, e invocato un cambio di passo. Mai come ora questo comparto dovrebbe concentrare impegno e investimenti nella risorsa turismo, della quale l’enologia è componente essenziale. Mai come ora gli attori istituzionali della rinascita dovrebbero investire nell’agroalimentare a 360 gradi, dal campo alla tavola, dalla cultura all’esportazione, alla comunicazione.
“Dieci anni sono un traguardo prestigioso, nessun quotidiano ha mantenuto così a lungo la pubblicazione di una propria guida. La nostra è una fotografia affidabile e credibile del comparto del vino di questa regione”, ha commentato Fabrizio Carrera, che ha curato la Guida con Gianni Giardina e Federico Latteri.
“Anche quest’anno – ha detto Giovanni Pepi, condirettore del Giornale di Sicilia, presentando la Guida a Villa Igiea -: siamo qui con i signori siciliani del vino per fornire l’immagine di una Sicilia che funziona. In Sicilia si può fare impresa, e il mondo del vino con competenza ed estro, e senza stampelle, ne è una dimostrazione. Deve ancora capirlo la politica che, invece di creare sostegni, spesso pone ostacoli”.