Turismo ad Agrigento, tassa di soggiorno a partire dal 2018 e non dal 2017

L’imposta sul soggiorno sarà applicata a partire dal primo gennaio 2018 e non dall’inizio del prossimo anno. Lo ha confermato il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, facendo chiarezza sull’entrata in vigore della tassa che sarà pagata da tutti i turisti che soggiorneranno nelle strutture ricettive della città. Tutto questo – come si legge sul Giornale di Sicilia – per effetto dell’articolo 10 della legge di stabilità 2016, recepita per il 2017 che sancisce il blocco delle aliquote regionali e comunali. Il sindaco ha voluto rispondere anche al presidente dell’Abba, l’associazione dei proprietari di B&b, Giovanni Lopez che aveva chiesto un incontro per l’imminente entrata in vigore dell’imposta. Ma nonostante l’entrata in vigore della tassa, pare che ad Agrigento ci sia qualche albergatore “furbetto” che abbia iniziato a far pagare ai turisti il balzello. Che naturalmente, così facendo, non sarà versato al Comune. La denuncia arriva dal presidente provinciale di Federalberghi – Confcommercio, Francesco Picarella, che ha segnalato come alcune attività turistico ricettive di Agrigento abbiano già fatto loro un’ordinanza non ancora in funzione.