Uccise il marito violento: arriva la grazia per Jacqueline Sauvage, simbolo della violenza contro le donne

Il presidente francese Francois Hollande ha concesso la grazia definitiva a Jacqueline Sauvage, la donna diventata nel Paese un simbolo delle violenze contro le donne. Lo riferisce l’Eliseo in un comunicato. La donna, condannata a 10 anni per aver ucciso nel 2012 il marito che la picchiava da 47 anni e aveva stuprato le sue tre figlie, potra’ uscire subito dal carcere. Hollande aveva gia’ concesso a Sauvage una grazia parziale, consentendo alla donna, senza annullare la sentenza di colpevolezza, di presentare la richiesta di liberazione che era stata sempre respinta dai giudici. “Il presidente della Republica ha stabilito che il luogo in cui deve stare la signora Sauvage non e’ il carcere, ma la sua famiglia”, si legge nella nota in cui l’Eliseo precisa di applicare l’articolo 17 della Costituzione dopo consultazioni con il ministero della Giustizia.

“Ringraziare Francois Hollande e la Francia” e’ una delle priorita’ di Jacqueline Sauvage, la donna condannata a 10 anni di prigione per aver ucciso il marito violento e graziata ieri pomeriggio dal presidente della Repubblica. Lo rivela Carole Marot, una delle sue tre figlie. “Il presidente ci ha capite, e’ stato umano. Mia madre non ha ancora realizzato completamente cio’ che e’ successo. Ieri sera non riusciva a dormire. Ora potremo finalmente vivere”, afferma Carole, oggetto come le sorelle degli abusi e della crudelta’ del padre. Nel 2012 Jacqueline Sauvage aveva ucciso con 3 colpi di fucile il marito dopo 47 anni di inferno coniugale. La sera prima, il figlio si era suicidato, vittima anche lui delle violenze del padre. Il presidente Hollande alcuni mesi fa aveva concesso alla donna una grazia parziale che pero’ non le aveva permesso di tornare in liberta’. Ieri pomeriggio l’annuncio della fine di un incubo e l’uscita immediata dalla prigione. “Per il momento non ha progetti concreti. Vuole restare in famiglia e andare a pregare sulla tomba del figlio”, ha rivelato uno dei suoi avvocati, Nathalie Tomasini. “Nei prossimi giorni Jacqueline Sauvage si esprimera’ per ringraziare tutti coloro che l’hanno sostenuta. La sua nuova vita riguarda soltanto lei e la sua famiglia”