Terremoto: il Belìce ricorda la disatrosa notte tra il 14 e 15 gennaio ’68, iniziative nel territorio

Il Belìce non dimentica le ore drammatiche di quella disastrosa notte del 14 gennaio di 49 anni fa. Ne porta ancora il segno addosso. Per i lutti di coloro che sono rimasti sotto le macerie e nelle ferite non sanate a causa di una lenta ricostruzione, per via di tante promesse svanite. A quasi mezzo secolo di quel sisma, anche quest’anno, il Coordinamento dei Sindaci della Valle del Belice, ha elaborato un programma di manifestazioni che si effettueranno in diverse cittadine del territorio belicino in programma oggi e domani domenica. «Le manifestazioni, per scelta univoca del Coordinamento, saranno incentrate esclusivamente alla commemorazione delle vittime del sisma oltre a vari momenti di confronto politico-istituzionali ove saranno affrontati i nuovi approcci al rischio sismico del territorio e le nuove strategie di rilancio e di sviluppo dello stesso», dice al Giornale di Sicilia Nicola Catania, coordinatore dei 21 Sindaci della Valle. In programma momenti religiosi, apposizione di targhe commemorative, attività di sensibilizzazione dei giovani nelle scuole, presentazione di libri, deposizioni di corone di fiori.