Alluvioni a Sciacca e hinterland, Fontana all’Ars: “Rivedere piano idrogeologico e intervenire per i danni”

“La stampa locale di Sciacca si è fatta oggi portavoce di una denuncia avanzata da tecnici secondo la quale, nel Piano di assetto idrogeologico della Regione siciliana, gli alvei dei torrenti spesso esondati negli ultimi decenni non vengono individuati e descritti in tal senso, cioè quali aree pericolose ma soltanto come siti di attenzione. Ciò crea una informazione fallace – ha detto oggi in Aula il deputato Ncd Vincenzo Fontana – e di conseguenza pericolo per gli insediamenti e le attività che su questi spazi insistono”.
Per questo, il vicepresidente della Commissione Sanità ha chiesto che la Regione intervenga rivisitando e correggendo il Piano idrogeologico, con urgenza, e affiancando questa azione a una serie di aiuti da portare nell’hinterland della città termale, due volte colpita da alluvione negli ultimi giorni. Sull’argomento, ha annunciato la prossima presentazione di un atto ispettivo. Infine, Fontana si è rivolto direttamente all’assessore all’Agricoltura, Cracolici, per richiamare la sua attenzione sulle condizioni dell’agricoltura nell’hinterland ove, proprio in pieno periodo di raccolta della rinomata arancia di Ribera, a causa dei nubifragi, il comparto agricolo ha subito danni per diversi milioni e molte aziende rimangono tutt’ora non raggiungibili da proprietari e lavoratori, visto l’impraticabilità di strade e percorsi alternativi.