Premio Paesaggio del Consiglio d’Europa: in corsa anche Torre Salsa, i primi numeri del Mibact

Torre Salsa candidata a rappresentare l’Italia al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa. La riserva naturale orientata tra Siculiana e Montallegro gestita dal Wwf Italia ha partecipato al bando promosso dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo presentando una proposta di candidatura per la selezione finalizzata a rappresentare l’Italia al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa, biennio 2016/2017. Nei giorni scorsi si è conclusa la fase di raccolta delle candidature, il Mibact ha fornito i primi numeri su Facebook: “Abbiamo registrato 124 iscrizioni e sono stati candidati nei termini stabiliti dal bando 97 progetti. Un risultato straordinario. Nei prossimi giorni la commissione si riunirà per esaminare tutti i progetti ed individuare la candidatura che verrà presentata dall’Italia al Consiglio d’Europa. A breve tutti gli aggiornamenti”.

“I progetti, realizzati anche in parte da almeno tre anni, dovranno aver garantito – si legge nel bando del Mibact – l’attuazione di politiche sostenibili di sviluppo economico ed etico volte all’affermazione delle identità locali e nel contempo capaci di favorire l’integrazione di nuove culture e identità dei residenti più recenti”. Dai percorsi naturali alle visite guidate, dalla ricerca scientifica, ai campi di volontariato fino alle sperimentazioni in agricoltura. Calzano a pannello, dunque, le attività svolte in questi anni dalla riserva naturale regionale istituita nel 2000 nell’Agrigentino, oltre 760 ettari di terreno che si affacciano su una spiaggia incontaminata tra falesie di marna e panorami mozzafiato: il mare é limpidissimo, i fondali rigogliosi di flora e ricchi di fauna.

Il luogo prende il nome dell’antica torre di avvistamento che si trova nel cuore di questa oasi naturale e domina la sommità di un piccolo promontorio d’argilla la bianca marna. “L’istituzione e l’azione della riserva di Torre Salsa hanno contribuito in maniera evidente – viene sottolineato in una nota del Wwf – alla salvaguardia di uno dei paesaggi tra Agrigento ed Eraclea Minoa tra i più belli del Mediterraneo, un paesaggio unico per molteplici aspetti sia per la fauna che per la flora sia per il contesto agricolo tradizionale. In pratica, la Regione Sicilia e il Wwf Italia hanno dato piena applicazione alla Convenzione Europea del paesaggio. La Convenzione Europea del Paesaggio è stata firmata a Firenze nel 2000. Il Premio, previsto dall’articolo 11 della convenzione, costituisce una importante occasione per monitorare le azioni esemplari di attuazione di politiche sostenibili di sviluppo economico ed etico volte all’affermazione delle identità locali insieme alla valorizzazione di coltivazioni antiche che affondano le radici nella storia stessa della Sicilia come il grano russello. La proposta di candidatura di Torre Salsa è stata predisposta grazie all’ampia disponibilità e collaborazione di uno staff di architetti: Claudia Sajeva e Giorgio D’Anna coordinati dall’architetto in Pianificazione Urbana e Territoriale Gerlandina Prestia”.

Il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, e l’assessore all’Ambiente, Enzo Zambito, “apprendono con vivo apprezzamento la notizia della candidatura” della riserva di Torre Salsa al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa. “Sono fiducioso – ha dichiarato il primo cittadino in una nota – sul buon esito della selezione posto che la nostra riserva Torre Salsa è stata riconosciuta come ambiente naturale di notevole pregio e quindi meritevole di valorizzazione”.