Sexting e ricatti online ai bimbi in aumento, l’allarme di Telefono Azzurro

Cresce l’utilizzo del web da parte dei giovanissimi, soprattutto under-13, molto attivi sui principali social network. A denunciare la tendenza è Telefono Azzurro, che per il Safer Internet Day 2017 ha organizzato l’incontro “Insieme per un web più sicuro”. Il fondatore e presidente di Telefono Azzurro e professore di neuropsichiatria infantile, Ernesto Caffo: “C’è un abbassamento ulteriore dell’accesso dei bambini alla rete, spesso perché l’acquisizione avviene sempre più precocemente. I ragazzi restano connessi molte ore al giorno, talvolta tutto il giorno, talvolta anche di notte. C’è sicuramente un aumento dell’uso dei social, soprattutto di Whatsapp e di altri canali che i ragazzi usano come propri, meno di altre reti che usano di più gli adulti, come Facebook. C’è una maggiore attenzione all’immagine quindi a Instagram e a tutte le possibilità di usare la propria immagine e lo streaming sta diventando sempre più comune. In un’indagine condotta dall’associazione nata nel 1987 e Doxa Kids, sono emersi dati inquietanti riguardanti il coinvolgimento degli utenti più giovani in fenomeni come cyberbullismo, hate speech, adescamento, sexting, pornografia e uso improprio del denaro. C’è da parte dei ragazzi l’uso anche di immagini a fondo sessuale, con problemi di sexting in aumento e anche di sextortion, di ricatti che i bambini hanno nella rete. Il rapporto con gli adulti talvolta con sconosciuti aumenta, soprattutto nei siti di dating online e questo anche in età che prima erano impensabili. Anche l’uso del gioco nella rete da parte dei ragazzi aumenta, spesso anche col denaro”. Video su askanews.it Cuc