Agrigento, al via celebrazioni 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello

Con lo straordinario successo di pubblico ottenuto con “Vestire gli ignudi”  prima produzione teatrale del “Pirandello”, per la regia di Gaetano Aronica, si sono aperti di fatto gli Eventi relativi al 150° anniversario della nascita del Premio Nobel, Luigi Pirandello. La Produzione, destinata al circuito nazionale dei teatri si inserisce nel contesto delle numerosissime iniziative internazionali in atto per omaggiare la figura e l’opera del grande drammaturgo agrigentino. In collaborazione con il Ministero e gli Istituti Italiani di Cultura all’estero sono in programma una serie di importanti iniziative tra seminari, convegni e gemellaggi. Primo fra tutti – viene spiegato in una nota – il Portogallo dove ormai da tempo un unico filo, lega Agrigento e Lisbona. In quest’ultima città lusitana ad Aprile si terrà la cerimonia inaugurale con un importante convegno di studi e il perfezionamento del gemellaggio che porterà all’intitolazione di una via della capitale portoghese a Luigi Pirandello.

Pirandello tra presenza e assenza. Per la mappatura internazionale di un fenomeno culturale” è invece il tema del convegno internazionale in programma a Zurigo in Svizzera dal 16 al 18 marzo prossimi cui in apertura dei lavori, interverrà in video il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. Presso l’Università degli Studi di Bonn, dove studiò Pirandello, prossimamente avverrà la cerimonia della posa di una targa a ricordo del 150° della nascita mentre altra iniziativa è prevista nella città di Stoccarda. Nell’isola di Malta,dove si trova la tomba del nonno materno di Pirandello, Giovanni Ricci Gramitto, esule antiborbonico,  si è appena concluso il “Pirandello Stable Festival”.

Mentre per iniziativa del “Festival della Strada degli scrittori” partirà a maggio un Master di scrittura con alcune tra i più importanti autori del momento sotto l’egida del Direttore scientifico del Comitato delle celebrazioni per i 150 anni della nascita di Pirandello, l’ex ministro della Cultura, Massimo Bray. E mentre in Italia si sta preparando l’opera omnia di Pirandello, in America si sta predisponendo con il nostro Istituto di Cultura un grande convegno presso la New York University. Altre manifestazioni sono in programma a Bogotà, in Colombia, con una mostra e la rappresentazione di un’opera pirandelliana, e a Johannesburg in Sud Africa. Prosegue infine il concorso nazionale per il miglior Corto Teatrale nelle scuole, “Uno, nessuno, centomila” promosso dal Miur,dalla Strada degli Scrittori,  Distretto Turistico e dalla “Fondazione Teatro Pirandello” mentre il Comitato di Agrigento della Società Dante Alighieri, sempre in occasione del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, attraverso i Comitati esteri della Società e i Centri di Cultura Italiana all’estero, ha lanciato il concorso “Adesso continua tu…” invitando a completare l’incipit di una breve frase tratta da un’opera di Luigi Pirandello per valorizzare il pensiero del drammaturgo e far emergere nuovi talenti. Infine è stato predisposto il Logo delle celebrazioni che darà l’imprimatur a tutte le iniziative e le celebrazioni che si terranno sotto l’egida del Comune di Agrigento.

“Ho l’idea – ha detto il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto – che il 150° della nascita del Nobel agrigentino, non rappresenti il punto conclusivo e arido di una celebrazione ma il punto di partenza di un nuovo rapporto tra la città e il suo genius loci. Agrigento, non pirandelliana, la Sicilia non pirandelliana, ma Agrigento città di Luigi Pirandello e la Sicilia, terra di Luigi Pirandello. Le tante iniziative avviate in varie parti geografiche, – conclude Firetto – dal mondo accademico e dalla Cultura in genere, danno dimensione della caratura contemporanea del nostro Autore”.