Scala dei Turchi si tinge di rosso, il sindaco: “Sembra che si tratti di un fenomeno naturale”

Il sindaco di Realmonte, Lillo Zicari, interviene, con una nota ufficiale a sua firma, sulla questione delle macchie rosse sull’arenile prossimo alla Scala dei Turchi. La notizia circola, ormai da alcuni giorni, sui telegionali, anche nazionali, sui giornali, sui siti d’informazione online e sui social media.

Il sindaco Zicari, si legge nella nota, dichiara: “Sulla battigia della spiaggia, prossima alla Scala dei Turchi, sono state rinvenute qualche giorno fa macchie rossastre che sembrano denotare la presenza di ossido di ferro. Nella mattinata di oggi, funzionari dell’ARPA di Agrigento, della Capitaneria di Porto Empedocle e i Vigili Urbani di Realmonte insieme al Sottoscritto ed all’Ass.re all’Igiene comunale, geom. Emanuele Fiorica, si sono recati sui luoghi per effettuare i necessari campioni della sabbia “colorata”, dell’acqua di mare, e di altro materiale posto a monte dell’arenile. Nel giro di qualche giorno – continua Zicari – avremo i risultati delle analisi. Da un primo esame visivo sembra che si tratti di un fenomeno naturale. Molti frequentatori della spiaggia testimoniano che, anche negli anni passati, dopo abbondanti piogge, si era verificata analoga situazione in quel luogo ed in altri posti nelle vicinanze.

Rimaniamo comunque – dichiara cautamente Zicari – in attesa dei risultati delle analisi. Mi preme però evidenziare, – conclude il primo cittadino – che il fenomeno ha riguardato soltanto l’arenile posto alla distanza di circa un centinaio di metri dalla Scala dei Turchi e non la bianca scogliera che, quindi, brilla, come sempre, nel suo bianco splendore». Molto probabilmente, la presenza di questa sostanza rossastra, quindi, è legata ad un fenomeno naturale dovuto alle abbondanti piogge di quest’anno e non ad un possibile rischio di inquinamento, come da giorni è riportato sui media, della bellissima costa realmontina.