Abusivismo a Lampedusa, protocollo per demolizioni tra Procura e Comune

Anche a Lampedusa verranno aboliti gli edifici abusivi. Lo prevede il protocollo d’intesa sottoscritto oggi pomeriggio tra il Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio e la sindaca dell’isola Giusi Nicolini. Al momento, come riporta l’Adnkronos, sono 54 gli edifici che andranno demoliti, come prevedono le sentenza passate in giudicato. Il protocollo, come apprende l’Adnkronos, prevede un piano di lavoro che ha l’obiettivo di “demolire tutti gli immobili abusivi in fascia costiera o ricadenti in zone con vincoli paesaggistici”. Alcuni degli edifici sono stati realizzati in fascia di inedificabilità assoluta. La Procura farà, a questo punto, una mappatura del territorio, anche via aerea, per evidenziare gli edifici abusivi. Un protocollo che era stato firmato in precedenza con i comuni di Licata, Palma di Montechiaro e Favara. A Licata, nei mesi scorsi, la decisione del sindaco di demolire gli edifici, applicando così la legge, aveva sollevato numerose polemiche. Il sindaco, Angelo Cambiano, è sotto scorta, dopo avere subito diversi atti intimidatori. Adesso le ruspe arriveranno anche a Lampedusa. Che proprio nei prossimi giorni sarà al centro dell’attenzione per la Notte degli Oscar con il docufilm ‘Fuocammare’ che vede tra i protagonisti il medico dell’isola Pietro Bartolo, che ha slavato migliaia di vite umane.