Scissione Pd, Capodicasa lascia il partito di Renzi e approda tra i Democratici e Progressisti

Nascono i Democratici e Progressisti, nuovo soggetto politico della sinistra formato dagli ex di Pd e Sinistra Italiana. “Il lavoro e i giovani sono la nostra la priorità”, hanno detto Roberto Speranza e Enrico Rossi, citando l’articolo 1 della Costituzione. Lascia il Pd anche l’ex presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, “C’è  bisogno di un nuovo campo del centrosinistra. Sono sicuro che non è un addio”.

In Sicilia a lasciare il Pd, approdando con i bersaniani tra i Democratici e Progressisti, è l’ex presidente della Regione Angelo Capodicasa. “A fronte di una perdita del 7% del prodotto interno lordo negli ultimi dieci anni, il Meridione – ha dichiarato Capodicasa al Giornale di Sicilia oggi in edicola –  subisce un crollo del 13%. Ed in una economia già depressa si può comprendere quali effetti possa determinare questo crollo: disoccupazione alle stelle, piccole imprese espulse dal processo produttivo, emigrazione ed allargamento delle fasce di povertà. Le politiche messe in campo non sono state in grado di invertire significativamente questa tendenza”.

Rispondendo al cronista che gli chiede “quanti seguiranno l’uscita dal Pd?” Capodicasa ha affermato: “E’ presto per fare un censimento. Siamo nella fase in cui, oltre quelli che sono già convinti, molti sono in fase di riflessione. Altri vogliono attendere l’esito delle Primarie del Pd, altri ancora vogliono capire meglio il profilo politico-programmatico che questo nuovo soggetto si darà”.