Siculiana, aperte iscrizioni campi estivi 2017: vacanze e volontariato per il #MeTe e la rigenerazione del Casale

Sono aperte le iscrizioni ai Campi Estivi Siculiana – Sicilia 2017, ovvero le vacanze di volontariato per il #MeTe Museo della Memoria e del Territorio. Dal 2011 l’ALT Associazione Leisure and Tourisme organizza i campi sia per sostenere la “mission” e i proggetti del Museo #MeTe, sia per far maturare – ai partecipanti – esperienze umane e culturali significative, tra impegno sociale e conoscenza della cultura e delle peculiarità del territorio.
Nel corso degli anni – viene spiegato in una nota – l’associazione ALT, durante i campi estivi, ha organizzato numerosi laboratori ed attività di cooperazione con il preciso obiettivo di istituire ed rielaborare continuamente il Museo #MeTe. Così dopo la ricerca sul campo, la catalogazione dei Beni Dea e le numerose attività artistiche ed archeologiche, da alcuni anni il #MeTe è impegnato nel progetto di  Rigenerazione del Quartiere Casale e nell’ampliamento continuo delle sezioni espositive. Durante i campi Non mancheranno momenti volti alla conoscenza di luoghi unici e incantevoli come Musei, Castelli, Chiese, Siti Archeologici, Riserve Naturali.

Il Programma 2017 prevede numerose attività come le attività di Archivio presso il Museo #MeTe, le attività artistiche per la Rigenerazione del Quartiere Casale, l’Escursione Naturalistica presso la Riserva Naturale di Torre Salsa, l’Escursione archeologica-naturalistica presso Monte Guastanella, antica fortezza araba; la visita guidata al Museo #MeTe, il Tour Storico  alla scoperta del Santuario del SS. Crocifisso, del Castello Chiaramonte del XIV sec e del centro storico del paese. I partecipanti potranno fruire delle meravigliose spiagge locali come Siculiana Marina, la Spiaggetta, La Riserva di Torre Salsa – gestita dal WWF – e la Scala dei Turchi. Si potrà inoltre organizzare il tempo libero a disposizione per visitare – a proprie spese – la Valle dei Templi,  il centro Storico di Agrigento o altre città come Sciacca o Favara. Ulteriori informazioni sul sito www.sviluppocultura.com.