Pensioni, a luglio arriva quattordicesima estesa fino 655 euro

La nuova quattordicesima, estesa con la riforma pensioni inclusa nella legge di bilancio 2017 anche ai pensionati ultrasessantaquattrenni con redditi tra 1,5 e due volte il trattamento minimo, arrivera’ a luglio. Lo conferma l’Inps con un messaggio nel quale da’ le indicazioni per l’applicazione della normativa che aumenta l’importo per chi gia’ lo percepiva portandolo per chi ha oltre 25 anni di contributi (28 i lavoratori autonomi) a 655 euro. Ecco, in una sintesi dell’Ansa, a chi spetta e come funziona la norma sulla “somma aggiuntiva” modificata dalla legge di bilancio per il 2017.

A CHI SPETTA: ai pensionati con piu’ di 64 anni con un reddito complessivo individuale annuo fino a 13.049,14 euro (due volte il trattamento minimo, circa 1.000 euro al mese). Non conta quindi il reddito del coniuge ne’ i beni che dovesse avere il pensionato se non danno reddito. La somma viene corrisposta una volta l’anno.

QUANTO SPETTA: I pensionati con redditi fino a 9.786,86 euro annui (fino a 1,5 volte il minimo), ovvero circa 752 euro al mese per 13 mensilita’, per i quali la somma aggiuntiva era gia’ prevista dal 2007 vedranno aumentare l’importo che sara’ pari a 437 euro se si hanno fino a 15 anni di contributi, a 546 euro se si hanno da 15 a 25 anni di contributi e a 655 euro se si hanno oltre 25 anni di contributi. I pensionati che hanno un reddito tra 9.786,87 euro e 13.049,14 euro riceveranno una somma variabile tra 336 euro (se hanno fino a 15 anni di contributi) e 504 euro (con piu’ di 25 anni di contributi. Ai pensionati che hanno tra i 15 e i 25 anni di contributi verranno corrisposti 420 euro. Per i pensionati da lavoro autonomo si considerano tre anni di contributi in piu’ rispetto ai dipendenti.

CIRCA 3,4 MLN PENSIONATI INTERESSATI: sono circa 2,125 milioni i pensionati con redditi individuali fino a 1,5 volte il trattamento minimo e 1,25 milioni i pensionati con redditi tra 1,5 e due volte il minimo.

QUANDO ARRIVA SOMMA: la quattordicesima viene corrisposta insieme al rateo di luglio se si perfeziona il requisito anagrafico nel primo semestre mentre sara’ corrisposta a dicembre se si raggiungono i 64 anni nel secondo semestre del 2017. Il beneficio viene erogato “in via provvisoria sulla base dei redditi presunti” e sara’ verificato appena si conosceranno le informazioni consuntivate dei redditi 2016, “o nel caso di prima concessione, del 2017”.