SHARE

Il Comune di Montevago, in collaborazione con le associazioni locali, partecipa al progetto promosso da Save the Children “Illuminiamo il futuro” contro la povertà educativa: appuntamento sabato 8 aprile a partire dalle ore 9:30 Piazza della Repubblica. L’iniziativa vedrà coinvolti circa 190 bambini delle scuole elementari e delle scuole medie insieme ai loro genitori e agli insegnanti.

La campagna Illuminiamo il futuro, ormai giunta al suo quarto anno, sarà caratterizzata da una settimana di mobilitazione, dal 3 al 9 aprile, con oltre 650 eventi e iniziative in tutta Italia in cui saranno coinvolte centinaia di associazioni, enti, scuole, realtà locali e istituzioni culturali che hanno scelto di essere al nostro fianco per sensibilizzare e informare sull’importanza delle opportunità educative per la crescita dei più piccoli. In occasione di questa nuova edizione, lanciamo anche una petizione per chiedere al Governo e al Parlamento di sbloccare, prima della scadenza della legislatura, alcuni provvedimenti fondamentali che garantiscano a tutti i bambini l’accesso all’asilo nido e a un sistema di mense scolastiche uguale per tutti e l’attuazione immediata del piano di contrasto alla povertà varato di recente dal Parlamento, segnando così l’inizio di un intervento strutturale ad ampio raggio per combattere la povertà minorile in tutte le sue forme.

Negli ultimi 10 anni la percentuale di minori in povertà assoluta in Italia è triplicata ed è raddoppiata quella di minori in povertà relativa. La metà degli alunni è senza mensa a scuola, solo 1 bambino su 10 può andare all’asilo nido e il tempo pieno è assente in 7 scuole primarie su 10. Più di 1 ragazzo su 10 abbandona gli studi prima del tempo, 1 su 5 non raggiunge le competenze minime in matematica e in lettura e 3 su 5 non partecipano ad attività culturali e ricreative.  Questi alcuni dei dati contenuti nel nuovo rapporto “Futuro in partenza? L’impatto delle povertà educative sull’infanzia in Italia”, che presentiamo oggi in occasione del rilancio della campagna per il contrasto alla povertà educativa.

SHARE