Mafia, ricordato ad Agrigento il sacrificio del maresciallo Guazzelli

Oggi, 4 aprile 2017 è stata celebrata la ricorrenzadel 25° anniversario del Maresciallo Maggiore “Aiutante” dei Carabinieri Giuliano Guazzelli, Medaglia d’Oro al Valor Civile alla memoria.
Per la circostanza, alle ore 10.00, il Cappellano Militare dell’Arma dei Carabinieri (Don Salvatore Falzone) ed il parroco della Concattedrale Santa Croce di Villaseta (Don Gioacchino Scimè) hanno concelebrato– con il prezioso contributo canoro del Coro Diocesiano – una Santa Messa presso la predetta Chiesa, alla quale hanno partecipato la vedova Guazzelli, Sig.ra Maria Caterina Montalbano, e la figlia Teresa, madrina della cerimonia,unitamente ad autorità locali, provinciali e regionali appartenenti alle Istituzioni civili, religiose e militari, tra le quali il Comandante Interregionale Carabinieri “Culqualber” (Generale di Corpo d’Armata Silvio Ghiselli), il Comandante della Legione Carabinieri “Sicilia” (Generale di Brigata Riccardo Galletta), il Prefettodi Agrigento (dott. Nicola Diomede), il Sindaco di Agrigento (dott. Calogero Firetto), il Responsabile AreaCompartimentaledi Palermo della Società ANAS S.p.A. (Ing. Nicola Montesano), nonché una rappresentanza di studenti e docenti del Liceo Classico “Empedocle” di Agrigento, del Liceo Scientifico “Leonardo” di Agrigento e dell’Istituto Comprensivo “D’Arrigo-Tomasi” di Palma di Montechiaro, località di questa provincia ove il Decorato ha prestato servizio.
Al termine della funzione religiosa, la figura del Maresciallo Guazzelli è stata ricordata dagli interventi del Prefetto di Agrigento (dott. Nicola Diomede), del Presidente Emerito della Corte di Appello di Caltanissetta (dott. Salvatore Cardinale), dell’inviato de “La Repubblica” (dott. Francesco Viviano), dello studente Salvatore Alaimo (classe IIa B del Liceo Classico “Empedocle” di Agrigento) e del Comandante Interregionale Carabinieri “Culqualber” (Gen.C.A. Silvio Ghiselli).
Successivamente, alle ore11.30, i familiari,accompagnati dalle autorità, si sono recati sul luogo dell’agguato, ovelo schieramento di un picchetto armato composto da militari appartenenti al Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento e da trombettiere della Fanfara inquadrata nel 12° Battaglione Carabinieri “Sicilia” di Palermo ha conferito lustro e solennità alla cerimonia, ulteriormente impreziosita da alcuni significativi passaggi, quali la scopertura di una nuova targacommemorativa da parte della madrina della cerimonia, prof.ssa Teresa Guazzelli figlia del Decorato,la successiva benedizione della steleda parte del Cappellano Militare dell’Arma dei Carabinieri, nonchéla deposizione di una corona di alloro offerta dall’Amministrazione Comunale di Agrigento.
Ad imperituro ricordo della vittima del dovere, l’Arma dei Carabinieri – con l’attiva collaborazionedella Società ANAS S.p.A. – ha intitolato unlimitrofo cavalcavia insistente sulla Strada Statale 115, ubicato a poche decine di metri di distanzadal luogo dell’uccisione.
Infine, l’Amministrazione Comunale di Agrigento ha proceduto al rinnovo della toponomastica di Via Guazzelli nella frazione di Fontanelle. Per l’occasione, il Prefetto di Agrigento ha incontrato gli studenti del locale Istituto Comprensivo “Agrigento – Fontanelle”coinvolgendolinel ricordo della vittima del dovere.