SHARE

“Per le Regionali si votera’ il 5 novembre e porteremo in dote risultati importantissimi. Le polemiche non mi interessano. Oggi assistiamo a scontri politici, ma quando sono arrivato nel 2012 c’erano le rivolte e le proteste sotto il palazzo. Oggi abbiamo sanato parecchie questioni e su questo siamo tranquilli”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, oggi a Palermo. Il governatore ha gia’ annunciato la sua ricandidatura, tra le polemiche di settori del suo partito, il Pd, anche per la scelta di presentarsi con il suo movimento “Riparte Sicilia”. Esiste un ricorso in Commissione di garanzia: “Non mi occupo e non mi preoccupo di queste cose”, commenta. “Oggi festeggiamo una grande vittoria – ha proseguito – con il via libera a Roma della rete ospedaliera siciliana. Non e’ e non sara’ la sola”. “Si poteva scegliere tra il 29 ottobre e il 5 novembre e ho scelto io questa data – ha aggiunto Crocetta – anche perche’ ci scocciava celebrare le regionali a ridosso della Commemorazione dei morti del 2 novembre, che in Sicilia ha un significato e una importanza particolare. Ho deciso io. Cosi’ – scherza – blocchiamo possibili superstizioni… Vincero’ anche queste”. (AGI)

SHARE