Vinitaly 2017, ecco tutte le novità Planeta presentate al grande pubblico

“Un’esclusiva degustazione di Didacus, lo Chardonnay dedicato a Diego Planeta. La prima bottiglia di Mamertino, che porta a compimento il progetto di Capo Milazzo. La prima bottiglia di Terebinto, un nuovissimo Grillo che nasce nel territorio di Menfi. Il restyling de La Segreta, a cui abbiamo cambiato il vestito, conservandone l’anima e il corpo. E ancora un Oliveto che cresce con altri 13 mila alberi a Capparrina. E l’apertura dell’apartment hotel La Foresteria Palermo, una nuova realtà dedicata all’ospitalità”. Queste le novità di Planeta presentate al Vinitaly 2017.
Al salone internazionale dei vini, presentato per la prima volta al grande pubblico Didacus, “il vino che rappresenta l’essenza della nostra storia”, spiegano Alessio, Francesca e Santi Planeta. “E’ lo Chardonnay che già nel nome abbiamo voluto dedicare a Diego Planeta, perché nasce dalla nostra primissima vigna, piantata nel 1985 sulle sponde del lago dell’Ulmo nel territorio di Menfi. Oltre a portare la memoria di un simbolo, Didacus esprime per noi eleganza e tradizione, famiglia e futuro: racchiude la nostra visione del vino e la Sicilia come l’abbiamo sempre sognata”.
Presentata al Vinitaly anche la prima bottiglia di Mamertino, “che finalmente realizza il progetto della giovane azienda di Capo Milazzo. Quando siamo arrivati su questa punta – raccontano Alessio, Francesca e Santi Planeta -abbiamo capito subito che dopo Menfi, Vittoria, Noto e l’Etna sarebbe stato questo il luogo giusto per chiudere il cerchio del nostro viaggio, intrapreso col desiderio di rappresentare i vini dell’Isola in tutti i suoi territori. Proprio il Mamertino è uno dei più antichi della storia siciliana, un vino di cui si hanno tracce sin dal tempo dei Romani: per questo abbiamo intrapreso con entusiasmo la sua valorizzazione, in un contesto straordinario che ci spinge ad un processo di viticoltura sostenibile non solo dal punto di vista ambientale, ma anche sociale ed economico”.