Corruzione e appalti: 7 arresti a Firenze, l’inchiesta arriva a Sambuca di Sicilia, indagata ex assessore Bonafede

Corruzione finalizzata all’assegnazione di appalti del compartimento Anas. Per questa ipotesi di reato il gip di Firenze, su richiesta della procura fiorentina, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari a carico di nove imprenditori. Il reato, secondo la procura, sarebbe stato commesso in concorso con due funzionari dell’Anas, che nel frattempo sono andati in pensione. Si tratta dei nuovi sviluppi dell’inchiesta su un presunto giro di tangenti in alcuni appalti banditi dal compartimento Anas di Firenze.
Nell’ambito di un precedente filone d’indagine, sempre relativa a presunte irregolarità in appalti Anas, i carabinieri del Ros hanno eseguito una serie di perquisizioni nei confronti di otto professionisti residenti in Sicilia e di alcune società. I reati contestati in questo caso sono associazione a delinquere, corruzione ed estorsione. Le indagini dei Ros riguardano, in particolare, una delle imprese siciliane interessate agli appalti che avrebbe vinto gare bandite dall’Anas di Firenze per oltre cinque milioni di euro. Già amministrata da uno degli arrestati, la società risulterebbe gestita in modo occulto da un altro membro dell’organizzazione, anche lui agli arresti, con l’appoggio di un avvocato palermitano.
L’ex assessore regionale siciliano indagato dai pm di Firenze in una tranche dell’inchiesta sugli appalti Anas sarebbe Ester Bonafede. L’indagine a suo carico, pero’ non riguarderebbe gli appalti, ma presunti illeciti in finanziamenti della Regione Sicilia nel settore residenziale e turistico. Nell’inchiesta risulterebbe coinvolto anche il marito, l’ex magistrato Carmelo Carrara, per anni in procura a Palermo, poi eletto sindaco di Terrasini nelle liste dell’Udc, attualmente avvocato. Bonafede, che svolge la professione di architetto, non sarebbe coinvolta in quanto ex assessore regionale – peraltro nella Giunta Crocetta aveva la delega alla Famiglia e agli Enti locali -, ma come tecnico. Indagata anche la funzionaria regionale dell’assessorato al Turismo Anna Maria Spano’. La tranche siciliana dell’inchiesta della Procura di Firenze sugli appalti Anas ruoterebbe, secondo quanto riporta l’Ansa, attorno alla realizzazione di un Albergo diffuso a Sambuca di Sicilia (Agrigento). I lavori riguardano la ristrutturazione di una trentina di immobili nel centro storico del paese da parte di un imprenditore del settore turistico, per un importo complessivo di circa quattro milioni di euro cofinanziato al 50% con Fondi Europei. L’architetto Ester Bonafede e’ il direttore dei lavori.