SHARE

Già meta di artisti e turisti provenienti da ogni parte del mondo, il Teatro Andromeda tra i Monti Sicani sarà la location principale del film “The Shamefull Story” – “La Storia Vergognosa” – per la regia di Nella Condorelli. Si tratta di un film riconosciuto d’interesse culturale dal ministero dei Beni culturali, una produzione della “Factory Film Produzioni Indipendenti” nell’ambito del programma “Sensi Contemporanei” promosso dall’Agenzia per lo Sviluppo Territoriale, dal Mibact e dall’assessorato regionale al Turismo Sport Spettacolo – Sicilia Film Commission. Il film – attualmente in pre-produzione, uscita prevista nel 2018 – racconterà la storia vera di due contadine, Santa e Maria, che alla fine dell’Ottocento emigrarono dai latifondi dell’Isola verso le Americhe. “Il documentario ‘The Shamefull Story’ – spiega la produzione sui social – illumina una pagina censurata di storia dell’emigrazione italiana e siciliana, rovesciando molti luoghi comuni, il primo in assoluto quello che vuole siciliani e siciliane sempre a testa china, e la Sicilia ‘terra di mafia’ che ha esportato solo mafia. Mentre il viaggio lontano di quegli uomini e donne diventa metafora dei viaggi della speranza di oggi”.

Sono già stati effettuati i primi sopralluoghi della troupe, a breve il primo ciak nella suggestiva cornice del “teatro delle stelle” dove ogni estate viene promosso un cartellone di eventi che richiamano tra i Monti Sicani numerosi visitatori di ogni parte della Sicilia e non solo. Il Teatro Andromeda è stato costruito dal pastore-scultore Lorenzo Reina tra le montagne di Santo Stefano di Quisquina. Oltre alle sue sculture e quella di altri artisti come Salvatore Rizzuti e Giuseppe Agnello che impreziosiscono e rendono il luogo di notevole interesse artistico e culturale, trovano spazio una settantina di asini da latte allevati nella Fattoria dell’Arte Rocca Reina, azienda di allevamento e coltura biologica che è anche fattoria didattica dove Lorenzo Reina insegna ai bimbi a fare il pane e la ricotta o li cura con pratiche di onoterapia.

“‘The Shamefull Story’ è la nostra storia: e la scelta della regista Nella Condorelli di inserire tra le location Santo Stefano Quisquina quale ‘terra del Socialismo spontaneo’, ci riguarda da vicino”, scrive l’artista-pastore Lorenzo Reina su Facebook. “A Santo Stefano Quisquina – aggiunge – saranno girate molte scene di questo film tra le quali  la ricostruzione storica del pellegrinaggio all’eremo di Santa Rosalia o l’incontro degli attori ambulanti con un misterioso teatro di pietra sui Monti Sicani, dove sarà messo in scena il racconto de ‘La Storia Vergognosa’. Santo Stefano ha visto i nostri ‘catananni e nanni’ migrare nelle Americhe e ne abbiamo seguito le rotte e i destini sui registri ‘Alien Passengers’ di Ellis Island. Oggi, l’esodo di altri popoli, ci dice che nulla è cambiato da allora. Una buona occasione – sottolinea Reina – per rilanciare l’immagine del nostro territorio, per spingerlo a prosperare e, soprattutto, restarci a vivere”.

SHARE