SHARE

La giuria del Premio Houphouet-Boigny per la ricerca della pace dell’Unesco ha attribuito il prestigioso riconoscimento alla sindaca di Lampedusa Giuseppina Nicolini e all’Ong francese SOS Me’diterrane’e per aver salvato la vita a numerosi rifugiati e migranti e averli accolti con dignita’. “Da quando e’ stata eletta sindaco nel 2012, Nicolini si e’ distinta per la sua grande umanita’ e il suo impegno costante nella gestione della crisi dei rifugiati e della loro integrazione dopo l’arrivo di migliaia di rifugiati sulle coste di Lampedusa e altrove in Italia”, si legge nelle motivazioni. “SOS Mediterranee e’ un’associazione europea che si occupa di portare assistenza a tutte le persone bisognose nel mar Mediterraneo”, ricorda l’Unesco. Il Premio, istituito nel 1989, e’ un riconoscimento per tutte le persone, istituzioni od organizzazioni che si sono distinte per la ricerca della pace. Sono stati premiati tra gli altri Francois Hollande, Nelson Mandela, Shimon Peres e Yasser Arafat.
“Il riconoscimento del premio Unesco per la pace a Giusi Nicolini e’ un motivo di orgoglio per il nostro Paese e per il sindaco di Lampedusa che, con impegno, coraggio e umanita’, affronta da anni la quotidianita’ di Lampedusa, un luogo simbolo dei confini europei e dei drammi e del dolore dei migranti del mediterraneo”. Cosi’ il Ministro dei Beni e delle Attivita’ Culturali e del Turismo, Dario Franceschini. “Contenta per il prestigioso riconoscimento Unesco a Giusy Nicolini , con il suo impegno rende onore al nostro Paese #GiusyNicolini”. Lo scrive su twitter la presidente della camera, Laura Boldrini. “A Giusi Nicolini va il meritatissimo riconoscimento del Premio UNESCO Houphouet-Boigny per la ricerca della pace. Il sindaco di Lampedusa lotta infatti da anni con grande impegno non solo per la tutela dell’ambiente della sua isola assieme a Legambiente, ma anche per l’immane gestione della crisi dei rifugiati che arrivano dall’Africa. Si e’ sempre universalmente distinta per la difesa dei diritti dei migranti che, ogni giorno dell’anno e in qualsiasi condizione, grazie alla sua opera di integrazione vengono accolti e assistiti. L’Italia tutta deve essere riconoscente e onorare donne del suo coraggio”. Lo afferma Chiara Braga, deputata del Partito Democratico, apprendendo la notizia del conferimento del premio UNESCO Houphouet-Boigny per la ricerca della pace al sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini. “Da siciliano fiero di te Giusi Nicolini, meritatissimo il Premio per la Pace Unesco”. Cosi’ su twitter il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, in merito al premio per la ricerca della pace dell’Unesco tributato alla sindaca di Lampedusa.