SHARE

Incrementare la disponibilita’ di alloggi sociali e servizi abitativi per categorie fragili per ragioni economiche e sociali. E’ questo l’obiettivo del primo bando non competitivo pubblicato dall’assessorato regionale delle Infrastrutture e della mobilita’, a valere sulla nuova programmazione del Programma operativo regionale Po-Fesr 2014 – 2020, per il recupero di alloggi sociali di proprieta’ pubblica dei Comuni ed ex Iacp. Il bando, la cui dotazione complessiva e’ circa 42 milioni di euro, e’ rivolto ai nove Iacp che potranno presentare proposte progettuali. Si va da interventi di riqualificazione degli immobili, all’adeguamento e il miglioramento dell’impiantistica, al superamento delle barriere architettoniche, all’efficientamento energetico degli edifici o ancora alla rimozione di materiali nocivi e pericolosi. Gli interventi potranno inoltre prevedere la creazione di spazi socio-educativi, ricreativi, sportivi e culturali in favore dei beneficiari degli alloggi sociali. Le risorse sono state ripartite per ciascun Istituto autonomo case popolari secondo una serie di parametri, tra cui la densita’ abitativa e il numero degli alloggi gestiti, e sono pari a 5.119.169,30 (Agrigento); 3.939.735,47 (Caltanissetta); 7.111.232,83 (Catania); 1.257.990,46 (Enna); 4.838.105,70 (Messina); 8.601.402,40 (Palermo); 2.140.636,51 (Ragusa); 3.440.166,51 (Siracusa); 5.509.213,47 (Trapani).

SHARE