SHARE

“C’e’ un ritardo e ancora una volta c’e’ una colpevole sottovalutazione sul tema delle pensioni“. Lo ha dichiarato la leader della Cgil Susanna Camusso, a Palermo, riferendosi allo slittamento del dpcm sull’Ape social, le domande per l’uscita anticipata verso la pensione, che era previsto dalla legge di bilancio per il primo maggio e rinviato con tutta probabilita’ alla prossima settimana. Per Camusso il tema delle Pensioni e’ “una delle ferite aperte del mondo del lavoro, cosi’ come continua ad essere aperta quella sull’indistinta attesa di vita, che mette sullo stesso piano chi fa lavori particolarmente difficili e chi no”. “Cosi’ come – ha aggiunto – e’ una grande sottovalutazione che chi e’ disoccupato in anni vicini alla pensione e resta disoccupato abbia scarsissime possibilita’ di rientrare nel mondo del lavoro”. “Bisogna accelerare – ha concluso – l’entrata in vigore delle norme precedentemente concordate e che il terreno di cambiamento sulla legislazione sulle Pensioni e’ uno degli impegni fondamentali che abbiamo dinnanzi a noi”.

SHARE