Agrigento, marcia alla Valle dei Templi contro la violenza sulle donne

Contro ogni forma di violenza e per la valorizzazione delle donne tutti i giorni e non solo l’8 marzo. Sabato 6 maggio, l’Aics di Agrigento, in collaborazione con il Comune e l’Ente Parco Archeologico Valle dei Templi, organizza la marcia per la valorizzazione delle donne dal titolo #Nonsolo8marzo. L’appuntamento è a partire dalle 8.30 davanti al palazzo comunale di Agrigento, poi il corteo si muoverà verso la Valle dei Templi dove sarà dato spazio all’arte e alla creatività. Saranno infatti inaugurate un’esposizione di oggetti artistici a cura dell’associazione “Le Creative” e una mostra fotografica dal nome “Sono belle tutte le donne del mondo” organizzata dai fotografi Gero Parla e Linda Amella, mentre i ragazzi dell’istituto d’arte “Martin Luther King” di Favara faranno un’estemporanea di pittura.

“L’idea della marcia – ha dichiarato Noemi Sciascia, dirigente del Terzo Settore dell’Aics di Agrigento – nasce dal bisogno di far capire che le donne non vanno ‘festeggiate’ solo una volta l’anno ovvero 8 marzo ma sempre, perché la donna è un valore prezioso, non a caso – ha spiegato – la marcia si chiama ‘Non solo 8 marzo’. La speranza – ha aggiunto Noemi Sciascia – è anche quella di lasciare un segno e rendere tutti più sensibili sul tema della valorizzazione della donna”.

La presidenza provinciale dell’Aics di Agrigento “da molti anni – si legge in una nota – porta avanti la campagna contro la violenza sulla donne, come ad esempio la manifestazione Donn’Arte, organizzata alcuni anni addietro. Da quest’anno con il rinnovo del consiglio direttivo, è nata l’idea di fare qualcosa di innovativo e di tangibile, ed inoltre che non si occupi soltanto sul tema della violenza ma di tutti gli aspetti ad ampio raggio che valorizzano il ruolo della donna nella società di oggi. L’iniziativa – viene spiegato – avrà anche un’importante valenza sociale dal momento che affiancherà alla marcia una campagna itinerante di sensibilizzazione contro la violenza di genere. Sono state invitate a partecipare tutte le scuole di Agrigento e della provincia nonché tutti i cittadini, la marcia è aperta a tutti non solo alle donne”

“Ho accolto subito l’iniziativa proposta dal dirigente del terzo settore con molto entusiasmo, perché credo – ha affermato il presidente provinciale Aics Giuseppe Petix – che il tema sulla valorizzazione e il rispetto per la donna sia molto importante, soprattutto – ha sottolineato – in questo periodo storico dove si sente spesso parlare di femminicidio”.

A proposito di violenza contro le donne, è in diffusione in questi giorni ad Agrigento l’opuscolo contro la violenza sulle donne, dal titolo “La ferita che non si vede… ma c’è”, realizzato dall’equipe del Centro Antiviolenza e Antistalking “Telefono Aiuto” diretto da Antonella Gallo Carrabba. “Attraverso la realizzazione di questa pubblicazione, una guida pratica e di facile consultazione, si intende offrire alle donne maltrattate o vittime di violenza e/o semplicemente a chi lo leggerà – viene spiegato in una nota- elementi utili per riconoscere la violenza, trovare informazioni per sapere a chi possono rivolgersi e che tipo di sostegno possono ricevere”. Le immagini presenti nell’opuscolo sono il frutto del lavoro degli alunni degli istituti scolastici di ogni ordine e grado della provincia di Agrigento e Caltanissetta che hanno partecipato dal 2010 ad oggi al progetto ‘Damarete, da 2500 anni contro la violenza’”.