Il Commissario Montalbano in scena a Porto Empedocle, boom di clic per il video su Facebook

Il Commissario Montalbano in scena nella sua “vera” Vigata in uno spettacolo itinerante che è anche un nuovo percorso turistico che valorizza il centro storico e i luoghi caratteristici della città marinara raccontati da Andrea Camilleri. Il progetto si chiama “Percorsi d’inchiostro sulle orme del Commissario Montalbano”, a proporlo è l’associazione Oltre Vigata che nei giorni scorsi ha messo in scena una prima rappresentazione teatrale tra le vie della città letteraria. Con momenti teatrali curati da Giugiù Gramaglia, già nel cast della fiction Rai con Luca Zingaretti, e letture di Annagrazia Montalbano accompagnate dalla chitarra di Bernardino De Gregorio. Gli attori tutti empedoclini: Eugenio Sicurella, Alessandro Cutaia, Rosalba Cortelli, Pasqualino Infantino, Peppe Morreale, Piero Travali; guida narrante Danilo Verruso. Il video su Facebook intitolato “Montalbano sono!” ha già ottenuto più di 23 mila visualizzazioni su Facebook.
“Abbiamo proposto un vero e proprio spettacolo teatrale a cielo aperto, un esperimento che abbiamo fatto nell’ambito della Fiera delle Associazioni che si è conclusa il 7 maggio a Porto Empedocle e che adesso, visto il successo – ha detto Danilo Verruso – intendiamo proporre ai turisti e alle scuole. L’obiettivo – ha aggiunto – è non solo quello di creare un pacchetto turistico, ma anche quello di recuperare i fatti non solo quello della fiction ma anche della Vigata letteraria raccontata nei romanzi di Andrea Camilleri, quindi riprodurre le scene nel contesto in cui sono state scritte. Vigata chiaramente è una città immaginaria, di fantasia, però è indubbio che molti dei luoghi descritti nelle pagine del Commissario Montalbano sono perfettamente riconoscibili con i luoghi di Porto Empedocle. Il percorso – ha spiegato il presidente dell’associazione Oltre Vigata – è iniziato dalla via Roma in corrispondenza della statua in onore del Commissario Montalbano letterario vicino la statua di Luigi Pirandello. Il primo momento teatrale si è svolto dove prima c’era il ristorante Da Calogero, il ristorante in cui il commissario andava a mangiare nei suoi primi romanzi. Altre scene sulla salita Granè dove nei romanzi di Montalbano viene indicata la casa della signora Vasile Cozzo”.

Un monologo tratto da ‘La concessione del telefono’ è stato messo in scena da Giugiù Gramaglia all’interno della Torre Carlo V. Per concludere, un momento di lettura curato da Annagrazia Montalbano all’interno delle fosse in cui si è consumata la tragedia raccontata da Andrea Camilleri ne ‘La strage dimenticata’. “Chiaramente il pacchetto turistico-letterario lo proponiamo noi come associazione – ha specificato Verruso – ma speriamo che questa possa essere l’occasione per mettere mani nel centro storico e recuperare i luoghi e le case della Vigata letteraria raccontata da Camilleri. Per questo – ha sottolineato – serve l’impegno dell’amministrazione comunale e dei privati con fondi da investire per il recupero del centro storico. Sarebbe bello poter costruire una piccola città-fiction. La Palomar in un primo momento ha deciso di fare tutte le riprese della fiction trasmessa su Rai 1 nel Ragusano, alcune riprese sono state realizzate poi alla Valle dei Templi e alla Scala dei Turchi, ma mai a Porto Empedocle. Quindi la nostra speranza – ha concluso Verruso – che recuperando questi spazi si possano fare delle riprese anche qui a Porto Empedocle”.