Marea anomala Lampedusa, Regione dichiara lo stato di calamità

Lunedi’ in Giunta la Regione siciliana dichiarera’ lo stato di calamita’ per Lampedusa, sconvolta questa notte da una marea anomala. Il governo presentera’, inoltre, un emendamento aggiuntivo al Collegato per consentire il ristoro ai proprietari dei pescherecci danneggiati. Lo ha assicurato il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, oggi a Bruxelles per partecipare all’assemblea plenaria del Comitato delle Regioni. Il Marrobbio ha affondato pescherecci e danneggiato numerose barche. “Occorre intervenire immediatamente assicurando la solidarieta’ della Regione siciliana all’isola di Lampedusa e ai suoi abitanti”, assicura il governatore che si e’ raccordato con il sindaco Giusi Nicolini e con il direttore della Protezione civile Calogero Foti per assicurare interventi immediati finalizzati a evitare fenomeni di inquinamento e ulteriori danneggiamenti.
“Sono vicino alla marineria di Lampedusa colpita nella notte dal marrobbio. Il fenomeno della successione di alta e bassa marea, che si verifica periodicamente nel porto dell’isola, ha causato gravi danni alle imbarcazioni e alle strutture”. Lo dice l’assessore all’Agricoltura e Pesca mediterranea della Regione siciliana, Antonello Cracolici, che aggiunge: “Troveremo le modalità per far sentire vicine le istituzioni alla comunità di LAMPEDUSA e ai suoi pescatori”.