SHARE

Domenica scorsa l’associazione Unione Naturisti Siciliani ha inaugurato la stagione balneare presso la spiaggia naturista Bulala di Gela. “Circa 40 naturisti provenienti dal Palermitano e dal Catanese, con loro anche alcuni bambini – viene spiegato in una nota – hanno preso parte all’evento organizzato dall’associazione, evento la cui finalità principale è stata quella di effettuare una pulizia della spiaggia”. Il presidente dell’associazione, Leonardo Rosso, ha dichiarato: “In primis ringraziamo il sindaco Domenico Messinese per questa possibilità che ha dato non solo a noi naturisti, ma all’intera città di Gela. Decine di migliaia di italiani (addirittura c’è chi stima 500.000) ogni anno vanno all’estero portando oltre confine un turismo che solo in Francia si aggira attorno a 80 milioni di euro, uno sviluppo turistico di questa zona sarebbe un investimento sicuro e impedirebbe ai nostri figli di dover emigrare per trovare lavoro. Nella giornata di domenica ci siamo occupati di ripulire un tratto di spiaggia di circa 500 metri, raccogliendo ben 18 sacchi di rifiuti, di cui 9 sacchi contenenti plastica che verranno riciclati con la raccolta differenziata; ma purtroppo non basta, in alcune zone le dune sono ricoperte da teli neri, i quali non possono essere rimossi manualmente. Ci auspichiamo che il sindaco riesca ad organizzare una bonifica massiva della zona, a cui affiancare i nostri interventi di pulizia ogni volta che ci recheremo in spiaggia. La Spiaggia ha moltissime potenzialità, le dune retrostanti sono molto belle e caratteristiche, ma tutta l’area è stata trascurata per troppi anni e in queste condizioni non è ancora in grado di accogliere un flusso turistico proveniente da oltre regione. Anche il parcheggio adiacente l’area da noi ripulita (che si trova alle coordinate 37.016946, 14.321985) è insufficiente ad accogliere un turismo naturista di massa e quindi invito non solo il sindaco, ma anche i proprietari dei terreni nelle vicinanze convertire alcuni terreni dove attualmente si trovano serre in disuso, a parcheggi. La segnaletica apposta dal sindaco per raggiungere l’area è stata privata di un cartello, e chi non conosce la zona ha difficoltà ha raggiungere l’area da noi ripulita, l’associazione rimane a disposizione, quindi, di tutti coloro che vorranno avere informazioni sulla spiaggia e su come raggiungerla”.

SHARE