SHARE

Il questore di Agrigento, Mario Finocchiaro, ha vietato “per ragioni di ordine pubblico” la celebrazione del funerale del boss Cesare Calogero Lombardozzi, morto ieri a 73 anni. L’uomo era tornato libero due anni fa dopo avere scontato tre condanne per associazione e violazione della sorveglianza speciale. Figura storica della mafia agrigentina avrebbe fatto da “padrino di battesimo” al campobellese Giuseppe Falsone, divenuto prima della cattura il numero 2 di Cosa nostra in Sicilia. I funerali del boss erano stati programmati per questa mattina nella chiesa di San Leone a pochi metri dalla sua abitazione.

SHARE